CENTOBUCHI – Primo della classe. E’ il Centobuchi, che se anche deve condividere la vetta della classifica dell’Eccellenza con Jesina e Fossombrone, può ritenersi, per ora, soddisfatto del traguardo raggiunto. Mancano diverse partite al termine del campionato, è ancora lunga la strada che conduce alla serie D, ma questo non sembra spaventare la squadra di mister De Amicis.
“Essere in cima alla graduatoria con altre due formazioni ci stimola – ha notato il team manager dei biancocelesti Peppe Cocci – Secondo la media inglese siamo in vantaggio di quattro punti rispetto alle altre squadre, in quanto dobbiamo disputare ancora sei partite in casa e quattro esterne. Siamo primi dall’ottava giornata, un motivo ci sarà?.
Ma c’è una formazione che il Centobuchi teme più delle altre?
“Rispetto per tutti e timore per nessuno – ha proseguito Cocci – Jesina, Fossombrone e Biagio Nazzaro sono team molto attrezzati che nel mercato di riparazione si sono ulteriormente rafforzati. Abbiamo le possibilità per giocarcela fino alla fine, siamo fiduciosi delle scelte che abbiamo fatto ad agosto. Un plauso ai ragazzi, ai tecnici e allo staff dirigenziale che anche nei momenti di difficoltà sono riusciti a farsi valere in maniera egregia?.
Un primato forse intaccato da qualche rimpianto: “E’ normale che ci siano, specie in alcune gare in cui meritavamo la conquista dell’intera posta in palio. Alla nostra classifica manca qualche punto, tuttavia non siamo oltremodo preoccupati?.
Sabato delicata sfida con il Porto Sant’Elpidio: “E’ una gara difficile – ha concluso il team manager –, l’avversario sarà motivatissimo in virtù del cambio di panchina e di una serie di risultati esaltanti?.
In campo si rivedranno Galli e Simoni (hanno già fatto il loro ritorno domenica scorsa), che con l’arrivo della bella stagione si potranno esprimere al meglio in questo rush finale di campionato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 293 volte, 1 oggi)