SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Dubitiamo che la notizia di un “imprimatur? di Berlusconi a Martinelli sia fondata»: esordisce così Luigi Cava, coordinatore comunale di Alleanza nazionale, secondo partito della coalizione di centrodestra, dopo le notizie e soprattutto le foto che sono arrivate della visita di Berlusconi ad Ancona sabato scorso. «Ma da oggi sappiamo – prosegue – che Martinelli è un uomo organico a Forza Italia. Prendiamo atto che è questo il nome che mettono sul tavolo del confronto. Ora aspettiamo che convochino la riunione interpartitica, come avevano annunciato».
An farà marcia indietro sull’ex sindaco, la cui ricandidatura ha fin qui fermamente escluso? «Non avremmo mai espresso un giudizio negativo sulla candidatura fatta da un alleato – è la risposta – Ma un discorso diverso va fatto su Martinelli, sul quale abbiamo manifestato forti perplessità. Se dubitiamo che Berlusconi abbia dato il suo “imprimatur? è perché da parte sua il premier si è sempre vantato di aver guidato il governo più longevo della storia repubblicana. Se avesse saputo che un sindaco della sua parte politica si è dimesso a sette mesi dalle elezioni sarebbe andato su tutte le furie».
Che giudizio dà, allora, dell’incontro di sabato? «Si è trattato di un errore di comportamento, che ci fa vedere un partito privo di maturità, di linearità, di correttezza. Questi tentativi di aggirare il dialogo a livello locale tra le forze politiche ci fanno pensare che c’è ancora molta strada da fare prima di arrivare ad una sintesi. Chiunque sia il regista di tale operazione mostra scarso rispetto per i dirigenti locali dei partiti.».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 562 volte, 1 oggi)