SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Cosa ne pensate del funzionamento dell’ospedale civile di San Benedetto? Su incarico della Zona Territoriale 12 dell’Asur Marche (l’Azienda sanitaria unica regionale), per conto del Tribunale per i diritti del malato, l’istituto di ricerca Eurispes Marche ha svolto la prima indagine sulla qualità percepita della struttura pubblica, in due sezioni: il grado di soddisfazione del personale e quello dei pazienti.
La ricerca verrà ripetuta una volta all’anno e servirà per predisporre un modello standard di intervista, da utilizzare in tutte le Marche. Quindi verranno fatti raffronti nello spazio e nel tempo: il miglioramento di ciò che non va nel corso del tempo e mettendo in rapporto gli analoghi reparti in ospedali diversi della regione.
A San Benedetto presenta un reclamo il 4% dei pazienti insoddisfatti, i quali parlano però delle loro disavventure con più persone, come è ovvio, di quanto non facciano coloro che invece hanno trovato soddisfazione (fa più rumore un albero che cade ecc).
Da questa prima indagine, un po’ a sorpresa, risulta che dell’efficienza del servizio si lamenta più il personale (evidentemente per le condizioni di lavoro in cui agisce) che non gli utenti. Questi ultimi, contro ciò che ci si potrebbe aspettare, non si lamentano né delle liste d’attesa, né della qualità dei pasti. Elogiano poi la competenza e la disponibilità di personale medico ed infermieristico.
Sono stati intervistati 298 utenti al momento della loro dimissione dall’ospedale dopo un ricovero, il 59,7% con più di 55 anni, il 67% in possesso di titolo di studio della scuola dell’obbligo, il 4% di laureati, il 20,5% ricoverati in ortopedia, il 15,4% in geriatria, il 12,8% in cardiologia, il 12,4% in chirurgia, ecc.
Al questionario ha risposto il 20,2% del personale dell’ospedale, di cui il 30,2% medici, il 16,1% infermieri, il 4,7% operatori sanitari, gli altri personale amministrativo. L’efficienza della struttura ospedaliera nel suo complesso viene ritenuta “mediocre? dal 50% di questi intervistati, “buona? dal 43,75%, “pessima? dal 5,21%. Le altre insufficienze: il 72,92% boccia la struttura (“pessima? per il 22,40%, “mediocre? per il 50,52%); il 57,81% boccia le dotazioni (pessime per il 13,54%, mediocri per il 44,27%).
Sufficienze: igiene promossa dal 54,69% del personale intervistato (“buona? per il 48,96%, “ottima? per il 5,73%). Personale “autopromosso? dal 61,98%, “altro personale? efficiente secondo il 50%. Di cosa avrebbe bisogno l’ospedale per migliorare? Il personale chiede appunto più personale, più organizzazione, dirigenti più coraggiosi, ecc.
La ricerca è stata presentata venerdì 10 febbraio nella sala convegni della Zona Territoriale 12 (via Manara 7) dal presidente dell’Eurispes Marche Camillo Di Monte, la cui relazione è stata preceduta dagli interventi del commissario straordinario del comune di San Benedetto Carlo Iappelli, del direttore generale della Asur dott. Antonio Aprile, del direttore della ZT 12 dott. Maurizio Belligoni, del vicepresidente della provincia di Ascoli Emidio Mandozzi e dalla responsabile della qualità della Asur 12 dott.ssa Maria Antonietta Lupi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 527 volte, 1 oggi)