SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “Il Grottammare può giocarsela contro tutti?, è quanto ha ribadito il tecnico Daniele Amaolo dopo le ultime convincenti prestazioni. E domenica in casa del Penne, terzo in classifica, i biancoazzurri sono chiamati ad un’altra prova di carattere per uscire dalla zona play out. Possibile il recupero del portiere Di Clemente.
Il Centobuchi, tornato in vetta, non si sente tranquillo. Senza lo squalificato Cardinali, i ragazzi di mister De Amicis devono conquistare un successo per mantenere intatta la prima posizione e sperare in un passo falso delle inseguitrici (B.Nazzaro, Fossombrone e Jesina), mai dome.
Benché la Cuprense abbia raggiunto l’ambito quinto posto, l’intento primario è quello di conquistare la matematica salvezza. E sul cammino che conduce ad essa domenica troverà l’opposizione del Matelica. Al tecnico Clerici mancheranno due pedine fondamentali: Cocciaretto e Gabrielli.
Tornare al successo per risollevare una classifica sempre più in bilico. L’Acquaviva riceve la visita di un Pagliare rigenerato da esiti positivi. Occhi puntati sulla sfida tra i bomber delle due formazioni, Balletta e Re. Gli aranciocelesti dovranno fare a meno di Di Salvatore e Desideri, con quest’ultimo deve scontare l’ultimo turno di squalifica.
Sfida salvezza tra l’Appignanese e la Ripa. Gli amaranto hanno l’obbligo di vincere per smuovere una graduatoria piuttosto deficitaria. Mister Cesari non potrà contare sullo squalificato Piatti; Vita e compagni sono comunque chiamati a conquistare l’intera posta.
Il Porto d’Ascoli è ospite del Valtesino. Voltare pagina e ripartire è il motto della squadra del tecnico Grilli dopo la rocambolesca sconfitta di sette giorni fa con il Comunanza. Potrebbero aggregarsi al gruppo Capecci e Marconi Sciarroni; Palanca e Clementi sono pienamente recuperati.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 236 volte, 1 oggi)