SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il provvedimento, come già accaduto nella scorsa settimana, interesserà i cosiddetti quadrilateri corrispondenti alle zone centrali di San Benedetto e Porto d’Ascoli. Le limitazioni interesseranno a San Benedetto la zona delimitata a nord da via D’Annunzio, a sud da via Voltattorni (entrambe escluse dal divieto), a est dal rilevato ferroviario e a ovest dalla Statale 16 che è compresa nel divieto. A Porto d’Ascoli, l’area interessata sarà delimitata a nord da via del Mare, a est da via Toti, a sud da via Esino e ad ovest dalla Statale Adriatica (tutte escluse dal divieto). La circolazione a targhe alterne sarà in vigore dalle 9 alle 12,30 e dalle 15 alle 18,30 di ogni mercoledì (quando non potranno circolare le auto con targa con l’ultima cifra pari) e di ogni giovedì (quando dovranno restare ferme le auto con targa avente l’ultima cifra dispari). Per quanto riguarda i valori relativi al mese di gennaio 2006, è senz’altro di primaria importanza il fatto che nei giorni 25 e 26, a traffico limitato, la riduzione dell’inquinamento da polveri sottili PM 10 è stata notevole, segnale che la cittadinanza ha rispettato diligentemente i divieti. Riassumendo, a gennaio i giorni nei quali la concentrazione di polveri ha superato i 50 microgrammi per metro cubo sono stati 12, mentre la media mensile è stata del 49,9%.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 317 volte, 1 oggi)