PESCARA – Assaltano un furgone portavalori, derubando una somma di circa 700 mila euro. Il fatto è avvenuto questa mattima lungo l’asse attrezzato Pescara-Chieti, all’altezza dell’uscita A14 Pescara Ovest. Il colpo è stato messo assegno da un nutrito commando a volto coperto e armato Kalashnikov.
I malviventi, a bordo tre auto, hanno avvicinato e quindi speronato il mezzo, di proprietà della ditta Ivri. L’azione è stata fulminea: le tre guardie giurate che erano nel furgone sono state fatte scendere sotto la minaccia delle armi e i malviventi hanno prelevato l’ingente somma di denaro custodita all’interno del mezzo, circa 700 mila euro. Una delle guardie giurate ha riportato una lieve escoriazione. Probabilmente è stato esploso un colpo in area, dal momento che i carabinieri interventi sul posto, hanno trovato a terra un bossolo di Kalashnikov.
I rapinatori, per non lasciare tracce, hanno quindi dato fuoco alle tre auto utilizzate per il colpo, dileguandosi a bordo di una quarta vettura. Il rogo si è propagato anche al furgone dell’Ivri.
Il denaro sottratto dal portavalori era destinato agli uffici postali della costa teramana. Disagi per gli utenti, in particolare per le persone anziane, a causa del notevole ritardo per la riscossione delle pensioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 615 volte, 1 oggi)