SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La preoccupazione per le elezioni amministrative passa momentaneamente in secondo piano nella politica locale. Il centrodestra, che ancora non dispone di un candidato sindaco, è influenzato dalla visita di Berlusconi, in programma per l’11 febbraio ad Ancona. Forza Italia organizza pullman gratuiti e in base al numero di prenotazioni pervenute ne ha allestiti per il momento sette (prenotazioni allo 0735.595569, sede del partito in via Crispi).
L’Udc, tramite il segretario comunale e provinciale Paolo Turano, continua ad aspettare che proprio Forza Italia convochi una riunione interpartitica e tira a lucido le posizioni precedentemente espresse dagli azzurri e da An: il candidato sindaco dovrà essere un politico e non un esponente della società civile, “vista l’esperienza con Martinelli�. Quanto alle politiche è certa la ricandidatura del senatore Amedeo Ciccanti (ma stavolta potrebbe essere alla camera).
Dalla lista dell’ex sindaco fanno sapere che continuano le riunioni del giovedì sera per mettere a punto il programma, senza contatti con esterni, per esempio l’ing. Giuseppe Fiscaletti che nel frattempo ha costituito l’annunciato laboratorio (chiamato “l’albero�), ma non ha ancora deciso se formare una lista civica alle amministrative.
Arrivando al centrosinistra, il comitato Benigni non si scioglie, ma per conoscere le prossime decisioni si dovranno attendere i prossimi giorni, quando dovrebbe suonare l’ora delle decisioni irrevocabili.
Acque increspate sulle candidature alle politiche. L’on. Orlando Ruggieri della Margherita accusa i Ds: “non possono prendersi tutte le candidature – dice – dopo aver avuto quella a sindaco di Giovanni Gaspari. Per le politiche sono circolati in questi giorni molti nomi. Oltre a quello dell’ex presidente della provincia Pietro Colonnella come dalemiano, anche quello del vicepresidente Emidio Mandozzi come espressione del “correntone Ds� e del sindaco di Castel di Lama Patrizia Rossini come possibile candidatura femminile. È persino offensivo nei miei confronti il fatto che il mio nome non venga neppure citato. Fino a prova contraria nel 2001 sono stato l’unico parlamentare dell’Ulivo eletto nella provincia di Ascoli, al contrario di altri candidati apparentemente più accreditati, che furono invece brutalmente umiliati� (riferimento all’ex sindaco di San Benedetto Paolo Perazzoli, ndr).
Intorno al 20 febbraio le candidature per le politiche dovrebbero essere decise a destra come a sinistra. Per quella data torneranno ad esserci alleati e avversari. Se non nuovi alleati e nuovi avversari.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 516 volte, 1 oggi)