SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sabato 4 e domenica 5 febbraio il Comitato Interregionale ha proposto e ottenuto dalla L.N.D, dall’A.I.A e dalla F.I.G.C di far scendere in campo il fair play.
L’iniziativa, introdotta a livello sperimentale, prevede che al termine di ogni gara ufficiale del Campionato Nazionale Juniores e di Serie D, le due squadre e la terna arbitrale si schierino al centro del campo per lo scambio dei saluti e la relativa stretta di mano.
Qualora il direttore di gara ravvisi che non ci siano le condizioni oggettive ambientali per procedere a quanto disposto, o registri il rifiuto di una o di tutte e due le squadre, riferirà dell’accaduto sul proprio rapporto che verrà segnalato dal Giudice Sportivo al Comitato Interregionale, per la valutazione di propria competenza.
“Tale proposta, unica nel calcio, intende dimostrare i reali valori del calcio, in un campo come quello dilettantistico, che si propone sempre come laboratorio di progetti e innovazioni, con il compito di dare un’immagine leale e sportiva del gioco del calcio? ha spiegato il Presidente William Punghellini.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 340 volte, 1 oggi)