SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Domenica numero ventuno in terza serie. A causa del maltempo che da giorni sta colpendo il Nord Italia l’anticipo tra Pro Sesto e Fermana è stato rinviato. Nel girone A sarà, come spesso accadrà di qui al termine della stagione, un turno importante per molte squadre.
Nei quartieri alti della graduatoria, spicca una sfida che una decina di anni fa si disputava nel campionato di massima serie, vale a dire Genoa-Padova. I liguri, che in casa non paiono avere rivali (appena due i punti persi, a vantaggio di Pizzighettone e Teramo), in quel di Fermo hanno tagliato un traguardo storico, superando il record stabilito nel lontano 1923, quando i rossoblu inanellarono una serie positiva lunga 32 turni. La squadra di Vavassori ha lo ha migliorato aggiungendovi un altro risultato utile; contro il Padova arriverà il La Grotteria e soci, sembrano attanagliata dal solito – endemico verrebbe da dire – mal di trasferta. Tradotto: due le vittorie raccolte sinora. Il Ferraris rappresenta un bel banco di prova sotto questo punto di vista.
Lo Spezia, altra inseguitrice, va a fare visita al Cittadella. I bianconeri, formazione tra le più continue del torneo, misureranno la forza dell’undici granata, che ha sinora avuto un cammino alterno, spesso sprecando, in casa, quanto i buono fatto vedere in trasferta.
L’altra ‘big’ della divisione A, il Teramo, torna al Comunale, dove ospita un Lumezzane col dente avvelenato per l’inaspettato tonfo casalingo patito proprio contro il Cittadella.
A questa sfida, unitamente a San Marino-Ravenna, vero e proprio spareggio per non retrocedere – i ‘titani’ stazionano al penultimo posto, mentre i romagnoli, reduci dal ko del Benelli contro la Pro Patria, si ritrovano appena due gradini sopra – guarderà con molto interesse la Samb, che, archiviata la decima sconfitta stagionale, torna al Riviera per un incontro, al cospetto del Monza, che potrebbe rappresentare un vero e proprio bivio. Se ai rossoblu il successo manca ormai da oltre tre mesi – detto e ridetto: 1-0 al Lumezzane, era il 23 ottobre –, i brianzoli, che pure vengono da una bruciante sconfitta casalinga nel derby contro la Pro Sesto, non perdono in trasferta dallo scorso 27 novembre (tredicesima giornata), sul campo del Padova.
Incontro di grande interesse anche Salernitana-Pavia, coi campani in serie positiva da nove domeniche (quanti pareggi però: sette) e i lombardi che non vincono da cinque turni. Morale della favola, sponda biancazzurra: il treno play off di questo passo potrebbe sfuggire.
Pizzighettone (25 punti) e Novara (26) si sfidano per evitare di sprofondare nelle zone della classifica che scottano. Se i piemontesi stanno attraversando un buon momento, prova ne sono le due vittorie e gli altrettanti pareggi raccolti negli ultimi quattro turni, il Pice va in bianco da due settimane, cosa che non era mai accaduta sinora alla squadra di Roberto Venturato.
Match di media classifica anche quello che vede opposte Pro Patria e Giulianova. La vittoria di sei giorni fa, nella tana del Ravenna, ha ridato ossigeno ai bustocchi che però allo Speroni affrontano un Giulianova in salute (due vittorie negli ultimi due incontri).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 329 volte, 1 oggi)