SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ sempre la Samb più amata, quella degli anni ruggenti, dei basettoni, dei colpi di classe, dei terzini che non lasciavano un centimetro di spazio e che non erano teneri con le caviglie degli attaccanti. La Samb degli allenatori un po’ burberi un po’ padri, come Eliani, Bergamasco e Sonetti.
Adesso non giocano più nel campo da undici ma in quello a cinque; hanno la pancetta di chi ha l’età dell’esperienza; i capelli sono ingrigiti (quando ci sono); ma gli impegni agonistici non mancano.
L’allenatore Paolo Beni prosegue gli allenamenti in attesa dei prossimi impegni agonistici: si parla di una probabile partecipazione alla prossima edizione del campionato italiano Master Over 35, ma anche di una serie di partite a scopi benefici. Un gruppo di questi giocatori formato da Paolo Beni, Maurizio Simonato, Franco Catto, Alfiero Caposciutti, Francesco Chimenti, Nicola Daleno, Flavio Pozzani, Pino D’Angelo e Arcadio Spinozzi l’altra sera, ha fatto tappa alla “Trattoria degli Orti” di Grottammare, dove il sempre ispirato Gabriele ha preparato per tutti loro un menu veramente gustoso. Tra una portata di fusilli alle rape e un’altra di vitellina al forno con patate, gli ex-rossoblu hanno raccontato episodi della loro vita di atleti, spaziando da simpatici aneddoti a situazioni drammatiche. Così infatti si possono catalogare il divertentissimo pesce d’aprile organizzato alla perfezione da Di Francesco e Simonato a Centobuchi ai danni di Franco Catto, oppure al dramma vissuto da Spinozzi e Pozzani quando il treno che li stava portando da Verona a Roma per la gara di campionato contro la Lazio si scontrò a Murazze di Vado contro un altro convoglio provocando la morte di 48 persone e il ferimento di altre 72.
Inevitabilmente, anche per via dei ruoli tecnici ricoperti da alcuni di questi giocatori nella Sambenedettese di oggi, si è finito per parlare anche della società odierna e dei loro successori in campo. I tempi sono cambiati, il calcio non è più quello di quando questo gruppo di giocatori (del quale fanno parte anche Pasqualino Minuti, Gennaro Grillo, Vincenzo Attrice e qualche altro) calcava con decisione i campi della serie B. L’augurio che gli ex-rossoblu hanno fatto alla Samb di oggi, però, è che sappiano ricreare intorno alla squadra l’entusiasmo che esisteva ai tempi del “Ballarin”, quando anche per la prima amichevole in famiglia di ritorno dal ritiro estivo, il vecchio stadio si riempiva di folla e di entusiasmo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.057 volte, 1 oggi)