ACQUAVIVA PICENA – “Abbiamo tutte le potenzialità per salvarci, sono fiducioso per il prosieguo del campionato? è quanto ci aveva confidato il tecnico dell’Acquaviva Luigi Travaglini qualche tempo fa. I risultati sembravano dargli ragione. Prima della fine dell’anno, una serie di esiti positivi avevano condotto gli aranciocelesti a ridosso della zona play out.
Alla ripresa, dopo le festività natalizie, il salto nel buio. Si è iniziato con il recupero di Petritoli perso 2-1, per proseguire con le sconfitte al cospetto di Offida (1-0) e Grottese (1-0), infine il pareggio con la Monteprandonese (1-1). Magro bottino per una Acquaviva che ha tutte le intenzioni di salvare la stagione in corso. I play out sarebbero umilianti per una formazione che lo scorso anno è giunta alla finale dei play off con la Sangiorgese.
E come se non bastasse, a complicare ulteriormente la situazione ci ha pensato il Giudice Sportivo. Stangata per l’Acquaviva e il suo tecnico che non potrà vivere in panchina da qui fino al 2008. Due anni di squalifica per Luigi Travaglini, il quale a caldo aveva affermato: “provvedimento necessario ma esagerato. Capita a tutti di sbagliare, ho le mie colpe anche se si è un po’ ecceduto?.
E domenica (neve permettendo) gli aranciocelesti, guidati ancora dal vice Panetta, ricevono la visita della Sangiorgese di Criniti. Una gara fondamentale per l’Acquaviva che non può permettersi di perdere nuovamente. Un successo significherebbe tornare ad avere fiducia nei propri mezzi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 285 volte, 1 oggi)