SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ancora una volta è il senatore dell’Udc Amedeo Ciccanti il barometro della situazione politica nel centrodestra sambenedettese, tra il serio e il faceto: “Abbiamo raggiunto una linea comune a tutti i moderati: siamo al tutti contro tutti?, dice al telefono mentre rientra da Roma annunciando che l’attività parlamentare verrà probabilmente prolungata di una sola settimana.
Ciccanti riprende la tela del centrodestra sambenedettese e compie una clamorosa apertura: “non abbiamo pregiudiziali per la candidatura a sindaco?. Neppure verso Martinelli? “Dobbiamo ancora ascoltare le sue proposte, poi valuteremo. Sarà il partito a decidere?. Un’apertura? Di più: “non c’è stata mai chiusura?, azzarda coraggiosamente il senatore. Dopo l’incontro dei giorni scorsi tra Pino Nico e Martinelli il dialogo con l’ex sindaco è addirittura una priorità dell’Udc? Risposta salomonica: “la nostra priorità è dialogare con tutti. Non mi sembrava normale che solo Forza Italia parlasse con Martinelli. Ed è solo An ad avere una pregiudiziale nei suoi confronti?. Quindi il coperchio: “non c’è stata alcuna parola di Martinelli contro l’Udc?.
Ciccanti compie alcune contorsioni per giustificare il riavvicinamento all’ex primo cittadino, già autore di perle come “i partiti sono d’intralcio all’attività amministrativa?: “noi siamo stati leali verso Martinelli – dice il senatore – e non gli abbiamo creato problemi. Semmai lui ne ha creati a noi dimettendosi. Ci siamo rimasti male e risentiti. Ma siamo rimasti male anche per i recenti attacchi dell’on. Scaltritti nei miei confronti, come per la frettolosa bocciatura da parte di An verso la possibile candidatura a sindaco del nostro Pino Nico?.
Nei giorni scorsi proprio Ciccanti aveva negato che Nico fosse il candidato sindaco dell’Udc. Oggi questa versione viene aggiornata: “è una candidatura che ci chiedono in molti – dice il senatore – ma prima vediamo il quadro politico. Sì, anche Martinelli potrebbe essere il candidato. Vediamo quali sono le condizioni?.
Ai cari alleati: “Forza Italia ci attacca tramite il suo deputato e il suo coordinatore comunale – prosegue Ciccanti – Noi abbiamo risposto con alcuni amici della segreteria, ma non tramite i nostri vertici [riferimento alla risposta di Luigi Orlandi della direzione Udc agli attacchi di Scaltritti e Capriotti, ndr]. Questo fa capire che noi abbiamo subito torti dagli altri ma non ne abbiamo fatti. Gli altri hanno litigato con noi, hanno provocato, insultato, noi no: non ci siamo permessi. Siamo brave persone?.
Ce n’è abbastanza per gettare scompiglio nel centrodestra. Il coordinatore comunale di An Luigi Cava cerca di parare i colpi: “non abbiamo mai inteso liquidare la candidatura di Nico – dice – Gli amici dell’Udc possono stare tranquilli su questo?. Poi mette un punto fermo: “abbiamo sostenuto con forza Martinelli dal 2001, ma dopo le sue dimissioni una sua ricandidatura è inopportuna. Mai più con lui. An non ha bisogno di rassicurazioni da Martinelli. Siamo disponibili ad incontrarlo, ma la pratica della sua ricandidatura è archiviata?.
Paolo Forlì, candidato sindaco per Nuovo Psi e Dc, stenta a credere alle parole del senatore: “non penso che un uomo del valore di Ciccanti possa dire cose del genere. La svolta dell’Udc mi sembra scandalosa. L’Udc fa una cosa grave. Fino a ieri mattina hanno parlato male di Martinelli. Se poi Ciccanti fa marcia indietro su questo, evidentemente crede che gli convenga, ma nessuno può nascondere che tramite diversi dirigenti politici il partito abbia più volte attaccato Martinelli in sedi pubbliche, per esempio all’ultimo congresso e sulla stampa. Tant’è che chiedono a Forza Italia con chi stanno. Noi diciamo no a Martinelli perché esclude la compattezza della Casa delle libertà, che richiede l’adesione di An. Considero alleati preziosi tutti i partiti del centrodestra fino all’ultimo. Martinelli potrebbe venire incontro alla Cdl, non il contrario?.
Pino Nico, lui, va avanti: “incontrerò di nuovo Martinelli venerdì o sabato prossimo – dice – Al momento siamo due possibili candidati. Vediamo se riusciremo ad ottenere una candidatura unica?. Gli attacchi di Forza Italia? “Finché è il coordinatore comunale Capriotti ad attaccarci siamo tranquilli?, è il colpo di coda Nico.
E il segretario provinciale e comunale dell’Udc Paolo Turano avvisa: “noi abbiamo già un programma scritto e un candidato da proporre agli alleati. Nico è il nostro delegato a trattare con Martinelli e con gli altri, così come il sottoscritto partecipa alle riunioni interpartitiche e Marco Lorenzetti si occupa di formare la lista?.
L’ultimo riferimento è all’accusa già scritta da Luigi Orlandi della direzione locale del partito sulle “vergogne e gli interessi che si celavano dietro il piano regolatore, che grazie al coraggio di qualche giornale stanno venendo alla luce, anche se con nostra grande meraviglia? (un riferimento alla vicenda del palazzo della sanità in contrada San Giovanni? ndr). Turano insiste senza specificare: “non eravamo al corrente di nulla e viene fuori che c’erano interessi nella gestione del prg. Perlomeno nascono dei dubbi. Ad ogni modo è Forza Italia che ha interrotto i rapporti con noi. Ed è sempre Forza Italia ad aver dichiarato che avrebbe convocato una interpartitica. Noi aspettiamo?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 481 volte, 1 oggi)