SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un terribile incidente stradale funesta l’inizio del week end a S.Benedetto. Alle 2.50 di sabato, in Via della Liberazione, nei pressi dell’incrocio con il raccordo autostradale (di fronte al Night Club Bios), in seguito ad uno scontro frontale tra una Fiat Punto e una Toyota Yaris, ha perso la vita una coppia di Monteprandone. Si tratta di Francesco Paolo Izzo, 36 anni, originario di Roma, titolare dell’agenzia immobiliare ‘Tecnocasa’, che ha sede a S.Benedetto in Viale De Gasperi e della moglie Cristina Di Filippo, 31 anni, nativa di Pescara, Ai soccoritori giunti sul luogo dell’impatto si è presentata una scena agghiacciante: della Yaris coinvolta nello schianto era rimasto solo un ammasso di lamiere, all’interno delle quali si trovavano i due poveri coniugi. Per estrarli dalla vettura si è reso necessario un lungo e laborioso intervento dei Vigili del Fuoco.
I.F.P. e D.F.C., trasportati d’urgenza al vicino ospedale civile, sono deceduti pochi minuti dopo, in seguito alle gravissime lesioni riportate nell’incidente.
Alla guida della Fiat Punto si trovava il sambenedettese D.A., 26 anni, e accanto a lui un cittadino rumeno di 24 anni: entrambi sono stati ricoverati al ‘Madonna del Soccorso’ ma le loro condizioni non sembrano particolarmente gravi.
La Polstrada di Ascoli Piceno, intervenuta sul luogo dell’incidente, sta cercando in queste ore di ricostruirne la dinamica: stando alle prime testimonianze, l’auto condotta dal giovane sambenedettese procedeva sulla Statale Adriatica a velocità molto sostenuta e, all’incrocio, avrebbe centrato in pieno l’auto della coppia di Monteprandone, che si stava immettendo dal raccordo autostradale in direzione di Porto d’Ascoli per far ritorno a casa.
Sconforto e dolore tra amici e parenti per la prematura scomparsa dei due giovani coniugi. Qualcuno ha voluto lasciare un commosso ricordo della coppia sul nostro sito, proponendo, inoltre, con forza il tema della sicurezza stradale che nella nostra città ha assunto da tempo i contorni di un drammatico e irrisolto problema sociale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.368 volte, 1 oggi)