SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sarà una domenica di stasi quella che attende il rugby sambenedettese. La squadra di Sergio Pignotti infatti, archiviata la vittoria di domenica scorsa contro l’Amatori Teramo, rimarrà a braccia conserte a guardare – in virtù del turno di riposo imposto dal calendario – le altre squadre del girone 2, che si sono incrocieranno nell’ultima giornata della prima fase del torneo.
I rossoblu, che comunque continuano ad allenarsi, restano in attesa di indicazioni dalla Federazione in merito alle compagini che prenderanno parte alla fase successiva della stagione, quella per intenderci, che consentirà le partecipanti a giocarsi un posto per la B. Il regolamento, che indica le prime tre classificate (i rivieraschi stazionano al quarto posto) nei due gironi del mini-torneo Abruzzo-Marche-Umbria, come le aventi diritto ad accedervi, precisa peraltro che le stesse debbono possedere un vivaio composto da under 13, 15 e 17. Tale prerogativa mette fuori gioco sia l’AS Jesi, capolista del girone 2, sia quattro squadre nell’altro raggruppamento.
In sostanza, quasi sicuramente, passeranno alla seconda fase della stagione – dai primi di febbraio alla fine di aprile – il Rugby Samb, l’Old Pescara, la Polisportiva Abruzzo e il Gran Sasso, unitamente a Pesaro e, come pare, Gubbio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 394 volte, 1 oggi)