GROTTAMMARE – Con riferimento all’articolo apparso sulla pagina locale del vostro quotidiano il giorno 18.01.2006, stilato sulla base di un documento inviatovi dalla segreteria provinciale della UIL a firma di Alberto Acciarri, nel rilevare la totale infondatezza delle informazioni e le considerazioni gravemente calunniose e diffamatorie nei confronti della nostra cooperativa sociale, si precisa quanto segue:
1. la cooperativa ha circa centotrenta soci lavoratori ed opera nel settore del sociale da circa venti anni;
2. tutti i soci lavoratori e non sono regolarmente retribuiti secondo i contratti collettivi nazionali di lavoro della categoria, rispetto ai quali le altre organizzazioni sindacali più rappresentative presenti e gli stessi soci lavoratori non hanno avuto mai nulla da eccepire;
3. che il confronto con le cosiddette “cooperative del nord? per i riferimenti che contiene, è semplicemente calunnioso perché privo di ogni e qualsiasi possibilità di raffronto con la serietà e la correttezza dei comportamenti della cooperativa “La Picena?;
4. che è del tutto falso l’asserita indisponibilità della cooperativa a fornire i locali per le assemblee sindacali con il personale;
5. che i responsabili della “Picena? hanno avuto numerosi incontri con il rappresentante sindacale della UIL con il quale hanno sviluppato, rapporti che sembravano cordiali e corretti.
Pertanto, nell’intento di difendere l’onorabilità e l’immagine della nostra cooperativa sociale, gravemente lesa dal contenuto calunnioso e diffamatorio dell’articolo, il consiglio di amministrazione ha dato mandato al proprio legale di sporgere querela nei confronti del rappresentante della UIL Alberto Acciarri al fine di ristabilire la verità dei fatti.
Il Presidente Bruno Vilone

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 329 volte, 1 oggi)