ASCOLI PICENO – Gli amministratori delle province marchigiane competenti sui trasporti hanno raggiunto Ancona in treno venerdì 13 gennaio, per verificare di persona lo stato di degrado delle ferrovie e partecipare alla conferenza stampa che si è tenuta alle 13 nella sala Eurostar della stazione di Ancona.
Tra gli altri, il presidente della regione Gian Mario Spacca è partito da Fabriano alle 7,46, il suo vice Luciano Agostini da Ascoli alle 6,47, da Pesaro gli assessori regionali ai lavori pubblici Carrabs e alla sanità Mezzolani, alle 8,40.
Per la provincia di Ascoli c’era l’assessore Ubaldo Maroni, che lungo il percorso ha raccolto le lettere con le proteste e le richieste dei sindaci di vari comuni. Ad Ascoli Maroni ha ricevuto una lettera dall’assessore ai trasporti Cesare Celani, a Castel di Lama dal sindaco Patrizia Rossini, a San Benedetto dal commissario governativo Carlo Iappelli. Tappe successive a Grottammare, Cupra Marittima, Pedaso, Porto San Giorgio, Porto Sant’Elpidio.
Si ricorderà che la regione Marche ha aperto una vertenza con Trenitalia per il rinnovo del contratto di servizio (che comporta un esborso annuo di circa 30 milioni di euro da parte dell’ente), a causa della scarsa qualità del servizio, peggiorata ulteriormente con l’entrata in vigore del nuovo orario, che ha comportato la soppressione di alcuni collegamenti o l’aumento delle attese per le coincidenze, a danno soprattutto dei pendolari, studenti e lavoratori.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 369 volte, 1 oggi)