SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Chiamiamolo Panini interattivo. Piano, non è un decoder o un gioco a premi, ma un album di figurine. Sempre lui. Cartaceo. Allegro. Mitico. Solo che mira a far sentire tutti un po’ Adriano, Totti o Ibrahimovic. Funziona così: se con una macchinetta digitale e un computer mandate in fabbrica una foto, i creatori dell’album vi restituiscono 10 figurine con l’immagine che avete scelto (la faccia, o magari una posa strabiliante, tipo la rovesciata da copertina di Carlo Parola) incorniciata, se vi piace, dai colori della squadra del cuore.
E’ la grande novità dell’edizione 2005/06, la numero 45 della raccolta, che permette al collezionista di figurine di diventare a sua volta un pezzo da collezione. Un’idea simpatica e anche un mini-sogno che si realizza, per i romantici del settore. Volendo, si può personalizzare lo stesso album, che ha uno spazio lasciato appositamente vuoto a pagina 3. Basta collegarsi al sito www.calciatoripanini.it, seguire le istruzioni e pagare 4,90 euro (con conto corrente postale o carta di credito). Peraltro l’iniziativa, che si chiama «MyPanini», ha un significato benefico. Perché per ogni richiesta del cliente, l’azienda modenese devolverà un euro a sostegno delle fondazioni dei calciatori a favore di giovani disagiati, con l’aiuto dell’Aic (l’Assocalciatori, appunto).
Durante la presentazione del nuovo album, a due passi dal Pantheon (all’hotel Minerva), sono state svelate anche le altre caratteristiche del prodotto, in vendita a 2 euro e mezzo nelle edicole dal 27 dicembre scorso (con o senza le famose «bustine», che costano 40 centesimi e contengono 6 figurine l’una). L’idea della Panini è stare al passo coi tempi. Se i giocatori cambiano club nel mercato di gennaio, come hanno fatto Vieri e Cassano, niente paura: nelle pagine di ogni squadra restano sei «buchi» che possono essere riempiti con gli aggiornamenti. Per quest’anno, chi li richiede sarà accontentato senza pagare nulla.
Gli sfondi delle foto tornano ad essere naturali: scompaiono dunque i falsi colori, costruiti al computer, che si erano visti l’anno scorso. Le ultime pagine, poi, sono dedicate alla Nazionale. Nella sezione «Azzurri del mito» si possono collezionare le figurine dei calciatori che dovrebbero essere protagonisti ai prossimi Mondiali. I nomi scelti sono 35, ma non tutti hanno la relativa foto. «Non potevamo mettere tutti i nazionali di Lippi – ha spiegato il direttore commerciale della Panini, Umberto Leone – perché il ct ha convocato tantissimi giocatori nella sua gestione. Perciò abbiamo scelto solo i papabili» . Tra loro, sempre loro: Vieri e Cassano. Il nuovo galattico in questa raccolta ha ancora la maglia della Roma addosso. E mostra un bel sorriso. Eppure aveva rifiutato di posare per le figurine. «Non è vero – ha detto il dirigente Panini – con lui non c’è mai stato alcun problema» . E’ una piccola (e opportuna) bugia.
Cassano era davvero deciso a non mettersi davanti all’obiettivo. Hanno aspettato un giorno prima di convincerlo, con tanta pazienza del fotografo che ha dovuto prolungare il lavoro a Trigoria di 24 ore, dopo aver già immortalato tutti gli altri romanisti. Questo episodio, non a caso, ha creato seri problemi contrattuali, legati ai diritti di immagine, anche tra Cassano e la Roma.
Tornando al Panini, per il terzo anno di fila trova spazio anche il calcio femminile di serie A, oltre a tutto il professionismo degli ometti. «Perché il nostro pubblico – dice Leone – è composto per il 9% da donne». In totale, sono 780 le figurine da attaccare. Chi completa il lavoro entro il 30 giugno avrà in regalo i 30 “Gel Champions“, magneti liquidi con la caricatura dei campioni di serie A. E non è finita. Perché nei prossimi mesi uscirà anche l’album dedicato ai Mondiali di Germania. Una sfida lunghissima. Ma il bello è questo: attaccare, cercare, scambiare. E magari non finire mai.
FONTE: Corriere dello Sport

Samb Fermana

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 395 volte, 1 oggi)