SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Samb e Docente sempre più vicini, anche se la settimana è trascorsa con il continuo annuncio della firma imminente. Si sono verificati ritardi dovuti a delle pendenze che il calciatore avrebbe con l’Avellino, ma domani a pranzo Carlo Colacioppo incontrerà il funambolo offensivo per porre l’auspicata firma. Non ci dovrebbero essere problemi dato che c’è accordo sia a livello economico sia perché la Docente ha preferito la Samb a formazioni quali la Cremonese e il Catanzaro, che militano in Serie B.
Più complessa la situazione di Cinelli: sembra che il Napoli non sia affatto interessato al calciatore (il procuratore di Cinelli non ha ricevuto alcuna proposta dalla società partenopea). Tuttavia Cinelli, d’accordo con la Samb per il quantum finanziario, è recalcitrante ad abbandonare Avellino, dove gioca da diverse stagioni. Probabilmente Cinelli, se la classifica della Samb fosse più positiva, non avrebbe remore a venire a San Benedetto.
Molto (sia per Cinelli che per altri calciatori), potrebbe dipendere dai risultati della Samb nelle prossime tre partite: in casa con il Teramo, a La Spezia e quindi a Monza. Tre sfide con formazioni di alta classifica che, se sortiranno risultati positivi, potrebbero proiettare i rossoblu verso un incredibile inseguimento e spingere i calciatori ad imbarcarsi nell’avventura-Soldini (abbiamo fatto due conti: se si ottenessero sette punti la Samb salirebbe a quota 26; lo scorso anno, alla quarta di ritorno, erano a 27…). Già oggi, durante l’allenamento a Cupra, è parsa abbastanza evidente la migliore qualità del gioco espressa a centrocampo grazie all’inserimento di Berardi e Bagalini.
Nella giornata di domani Colacioppo incontrerà anche il direttore sportivo del Pescara Andrea Iaconi per definire la situazione di De Lucia, Cornali, Gazzola e Pepe, virtualmente del Pescara ma lasciati parcheggiati alla Samb. Il club rossoblu vorrebbe cederli al Pescara, come ricordato da Soldini.
Nell’agenda di Colacioppo sono finiti anche i giocatori del Genoa Gianluca Lamacchi (esperto difensore classe 1972, che vanta anche quattro stagioni in Serie A con il Piacenza) così come il giovane centrocampista Stefano Botta (classe 1986). Il sogno della Samb resta Sinigaglia del Genoa (grazie anche al fatto che il segretario generale della Samb, Abagnara, lavora anche per il Genoa…) ma per lui vale il discorso fatto per Cinelli: se la classifica fosse diversa, tra qualche giornata…
Ma la maggiore attenzione per tifosi e società è quella di un centravanti che sostituisca il “quasi acquisto? Stefano Dall’Acqua. Se nelle scorse settimane la Samb ha provato l’abbocco persino con Andrea Soncin (ma l’ex rossoblu vuole restare in Serie B), in questo momento il club rossoblu sta vagliando le alternative. Docente è infatti una seconda punta, ma nel caso in cui potesse giocare come centravanti, la pista condurrebbe direttamente a Di Nardo del Frosinone.
Contatti ci sono stati anche con Tino Borneo, che verrebbe subito a San Benedetto, ma la società, prima di muoversi, vorrebbe sondare altre piste.
Riguardo le partenze, è data per certo quella di Guastalvino, che non si sta presentando agli allenamenti perché ha chiesto il trasferimento. Si proverà a cederlo o a rescindere il contratto. In partenza verso società di Serie C anche Femiano, mentre per De Pascale si spera nella modifica del regolamento che vieta ai calciatori di disputare gare ufficiali con tre formazioni nel corso della stessa stagione sportiva.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.351 volte, 1 oggi)