ACQUAVIVA PICENA – Prosegue con successo l’opera degli instancabili Cantori di Sant’Antonio.
Effettuata la questua per le vie e viuzze del centro storico, gli infaticabili “pasquellari? hanno iniziato il consueto giro per le campagne, che li vedrà impegnati sino a domenica 15 gennaio, giorno della festa. Grande accoglienza è solitamente loro riservata dagli abitanti della periferia di Acquaviva, i quali con piacere ricevono in casa i Cantori per condividere con loro momenti di gioia e spensieratezza.
Ad accompagnarli, come d’abitudine, il sindaco Tarcisio Infriccioli e l’assessore al Turismo Andrea Infriccioli.
Sopra la media, confrontati con quelli degli anni precedenti, gli incassi sinora riscossi, segno tangibile dell’attaccamento e dell’interesse di tutta la cittadinanza nei confronti dell’iniziativa.
Il ricavato sarà destinato all’organizzazione del tradizionale pranzo per tutti gli over 64 residenti nella cittadina picena, che sarà loro offerto domenica 5 febbraio presso il locale hotel Abbadetta.
Confermato, per la terza volta consecutiva, il gemellaggio con la Congrega degli scozzesi del Carnevale Storico di Offida.
Quest’anno – dichiara l’assessore Infriccioli – dopo due anni di cene e incontri vissuti ad Acquaviva, il Consiglio Direttivo della Congrega ha deciso di ospitare i Cantori ad Offida sabato 21 gennaio. Non mancheranno, per l’occasione, gli scambi di cori e stornelli tipici delle serate di festa?.
Per il giorno seguente, domenica 22 gennaio, è prevista inoltre la consueta visita alla vicina parrocchia di San Savino, particolarmente accetta ai Cantori sia per la straordinaria accoglienza ogni volta loro riservata dalla popolazione del posto, nonché dal locale Comitato dei Festeggiamenti, sia per l’amicizia col parroco don Lanfranco Iachetti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 335 volte, 1 oggi)