CUPRA MARITTIMA – Irresistibile lo scorso anno in Prima Categoria, la Cuprense fa la sua bella figura anche nel difficile campionato di Promozione. Sesta a soli tre lunghezze dal quintetto di testa e da quello di fondo. Un paradosso spiegabile attraverso una classifica molto corta, in cui i gialloblu non possono permettersi alcun tipo di distrazione.
“Stiamo mantenendo l’obiettivo prefissato ad inizio stagione – ha commentato il tecnico Gianni Clerici invitato a tracciare un bilancio sul girone d’andata – La salvezza è il nostro primo pensiero, speriamo di continuare a far bene�.
La vicinanza dei play off non è roba della Cuprense: “Per noi è un termine troppo grande – ha spiegato il trainer dei gialloblu – Diciamo che siamo più vicini ai play out. Ogni gara che vinciamo è un traguardo che raggiungiamo. Non dobbiamo affrontare le partite in modo scontato, non è la mentalità giustaâ€?.
Un girone di ritorno decisamente più impegnativo specie se di mezzo c’è una salvezza da conquistare: “Mi auguro di disputare la seconda parte del campionato come la prima anche se è più difficile dal momento che abbiamo le partite più importanti in casa e quelle più semplici in trasferta. Tuttavia non mi fa paura nessuna squadra. Le prime cinque formazioni in classifica se la vedranno per la promozione finale mentre c’è bagarre per quelle che si trovano sotto. Nel giro di 3-4 punti ci sono ben nove squadre a lottare per non retrocedere�.
Domenica la Cuprense affonderà in trasferta il Porto Potenza: “E’ una squadra reduce da una serie di risultati positivi, si è rinforzata nel mercato di dicembre. Si trovano con l’acqua alla gola più di noi, per cui i punti in palio varranno doppio. Sarà un match delicato dove un episodio potrà favorire una delle due formazioni�.
Non saranno dell’incontro Gabrielli bloccato da uno stiramento e De Angelis alla prese con una infiammazione agli adduttori. Lucidi rientra dalla squalifica che dovrà scontare, invece, il suo compagno Troiani. Ma come dice mister Clerici: “Benché abbiamo una rosa un po’ ristretta , gli undici che scendono in campo sono sempre i migliori�.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 271 volte, 1 oggi)