SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Per un Tedoldi che parte, uno Zini che viene. La Samb acquista un difensore destro (adattabile anche al ruolo di centrale) di assoluto livello per la Serie C: nel curriculum di Zini diverse stagioni in Serie B (32 presenze con la Reggiana, 52 con la Pistoiese, 4 con l’Atalanta, 14 con l’Ascoli, 15 con il Catanzaro quest’anno), più due anni a Pistoia e Rimini, in C1.
Zini è un terzino destro che andrà a prendere quel posto lasciato vacante da Ogliari: assieme ai compagni di reparto Zamperini, Colonnello, Zanetti è chiamato a porre fine ai capitomboli difensivi che hanno contraddistinto la prima parte del campionato della Samb (comprese le tre doppie rimonte subite con Pizzighettone, Pro Patria e, l’ultima, domenica scorsa a Novara). Il contratto di Zini è stato depositato in data odierna e potrà esordire con la maglia della Samb già domenica prossima, contro il Teramo. Ma i puntelli per la difesa non dovrebbero finire qui: da qui al termine del calcio mercato potrebbero arrivare a San Benedetto altri due difensori.
Il mercato della Samb dunque non si ferma: il direttore sportivo Carlo Colacioppo sta effettuando un pressing sull’attaccante Emilio Benito Docente e sul centrocampista Daniele Cinelli, entrambi all’Avellino.
Soprattutto su Docente sono appuntate le speranze della Samb, che conta di avere il suo accordo definitivo nella mattinata di domani. Docente è infatti intenzionato a trasferirsi a San Benedetto (ha rifiutato le richieste di Cremonese e Catanzaro, in Serie B) ma prima di tornare sull’Adriatico (è in Irpinia in prestito e il suo cartellino è di proprietà del Rimini) deve definire la risoluzione del prestito con l’Avellino, e la cosa ha procurato dei ritardi. Stesso discorso per Cinelli, dato vicinissimo al Napoli che offre alla squadra dei lupi Montesanto in contropartita: ma c’è ancora uno spiraglio per la Samb, anche se l’attuale classifica della Samb non aiuta giocatori del calibro di Cinelli a scendere di categoria, e la sirena Napoli è una concorrenza che sembra imbattibile. Stesso discorso per Stefano Dall’Acqua: c’è accordo tra Samb e Treviso ma il giocatore tentenna, nonostante, sembra, patron Soldini sia disposto a staccare per Dall’Acqua un assegno superiore a quello che il Treviso versa mensilmente al giocatore. Se la Samb avesse qualche punto in più i passaggi sarebbero più semplici.
“Ma io sono ottimista – dichiara il direttore sportivo Carlo Colacioppo – Bisogna dire che anche con Berardi in molti davano il calciatore già alla Salernitana, e invece, alla fine, l’abbiamo spuntata noi?.
Riguardo Stazzi dell’Arezzo (la formazione amaranto da ieri ha ufficializzato il suo passaggio alla Samb), il giocatore non può intendersi ancora di proprietà del club rossoblu: “Non nascondo che ci siamo interessati a lui. Ma non abbiamo ancora sottoscritto alcun contratto?.
La Samb dovrà anche provvedere ad alcuni trasferimenti in uscita: in primis Guastalvino, che ha richiesto di andare in un’altra società, ma poi anche Femiano e De Pascale. In stand-by la posizione di Colonnello, che sarebbe partito in caso di arrivo di Cupi. Riguardo Cini del Lanciano, probabilmente non se ne farà nulla in questo calciomercato invernale, in quanto il giocatore a giugno sarà svincolato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.148 volte, 1 oggi)