Con l’avvento del nuovo anno ci ritroviamo ancora una volta a chiederci cosa impedisca alla Piceno Consid di approvare il risanamento del Piano Territoriale di Coordinamento necessario a rendere accessibile la zona industriale di Centobuchi.

Dal 2005 ci è noto del finanziamento messo a disposizione dal Comune di Monteprandone di ben 1.650.000 €, ma non ci è ben chiaro cosa ostacoli l’inizio dei lavori, dal momento in cui solo chi non abbia mai messo “ruota? in questa zona può non rendersi conto dell’emergenza con cui occorra intervenire.

Ci piace ricordare che, quella di Centobuchi è la zona industriale più vivace del Piceno cosa che di certo non si percepisce attraversando una qualsiasi via che conduca in questa area.

Attraversando queste strade, alla luce del sole, le cose che sono impossibili non notare sono lo stato di totale abbandono in cui versa il manto asfaltato pieno di buche e come lo spazio che costeggia le strade sia spesso utilizzato come discarica pubblica creando un’atmosfera che a poco a che fare con l’importanza che rappresenta questa zona.

Al calar del sole, lo scenario assume toni surreali diventando a volte teatro di incidenti stradali alquanto pericolosi per la totale assenza di illuminazione che rende la zona un labirinto privo di segnali stradali visibili e forse anche per questo autorizza gli automobilisti a non rispettare la più elementare delle norme del codice della strada.

È orfano, inoltre della tanto sospirata uscita che collegherebbe l’Ascoli-Mare alla zona industriale, che è forse la prima richiesta degli imprenditori e dei lavoratori.

Siamo certi che il sindaco Bruno Menzietti riuscirà a smuovere la situazione su questo tema a lui così caro in quanto cavallo di battaglia della sua campagna elettorale del 2004 non deludendo le ormai estenuanti aspettative dei cittadini stanchi di parole e favole ma vogliosi di fatti concreti.

Vi terremo aggiornati su ogni novità augurandoci di cuore di potervi raccontare nel prossimo articolo che qualcosa sta cambiando.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 62 volte, 1 oggi)