SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Se fossimo in luglio, con una regolare preparazione davanti e acquisti di questo calibro, avremmo indicato la Samb come favorita alla vittoria del girone, alla pari del Genoa. Peccato che si sia in gennaio, con una classifica deficitaria e con l’ovvio rodaggio di cui gli ultimi arrivati in casa Samb avranno sicuramente bisogno.
Per ora non è possibile guardare troppo in alto (il Teramo, che farà visita ai rossoblu fra otto giorni, ha dieci punti di vantaggio sulla Samb e occupa attualmente la quinta posizione).
Un centrocampo con Berardi, Bagalini e Cinelli fa impressione. Un tridente offensivo con Dall’Acqua, Docente e Perrulli idem. E una difesa puntellata da Cupi e Zamperini (che si affiancano ai vari Zanetti, Macaluso e Colonnello), anche se altri nomi arriveranno, non può che essere solida.
Ma non è finita qui. Se è vero che la maggior parte degli arrivi è con la formula del prestito, la Samb sta già guardando alla prossima stagione sportiva. Sembra infatti che il club rossoblu si sia già garantito dei colpi clamorosi per il prossimo campionato, in previsione di quei giocatori arrivati sì in prestito, ma non con l’attuale dirigenza – leggi: Perrulli, che a fine stagione tornerà all’Ascoli, mentre Dall’Acqua e soci contano di essere confermati in rossoblu.
Ma intanto c’è lo scoglio Novara…
MERCATO. Danilo Zini (classe 1978) è l’uomo individuato per ricoprire il ruolo di difensore destro, lasciato vacante da Ogliari. Zini, attualmente in B con il Catanzaro, vanta oltre cento presenze nella serie cadetta con Reggina, Pistoiese, Atalanta, Ascoli e lo stesso Catanzaro. Ha giocato anche in C1 con Rimini e Pistoiese. Altro nome appuntato sul taccuino di Colacioppo è quello del giovane difensore Jacopo Stazzi (anno 1984), che quest’anno ha collezionato una presenza in B con l’Arezzo. In Toscana lo danno a San Benedetto già lunedì prossimo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 910 volte, 1 oggi)