ASCOLI PICENO – Dare un impulso al settore turistico: è questo l’obiettivo del neonato consorzio provinciale Sistema Piceno Turismo.
Costituitosi di recente per l’ottenimento delle provvidenze previste dai contratti di programma per il turismo, il progetto segue la scia dei precedenti Patti per l’Industria, l’Agricoltura e la Pesca.
Strumento privilegiato d’attuazione, il finanziamento di venti diverse iniziative di carattere privato che accresceranno nel complesso le strutture ricettive del territorio di circa mille posti.
È una preziosa occasione – dichiara il presidente della Provincia Massimo Rossi per riconquistare un ruolo primario nel settore turistico, grazie all’opportunità di offrire un pacchetto integrato mare – monti che sta già avendo un gran successo in termini di gradimento?.
Il nuovo regolamento – aggiunge l’assessore provinciale al Turismo Avelio Marini non consente agli enti pubblici di presentare progetti. Per questo motivo il 13 dicembre scorso si è costituito il Sistema Piceno Turismo, composto da diciannove soci e coordinato dalla società Piceno Sviluppo?.
Delle venti proposte sinora presentate, otto riguardano Ascoli Piceno, tre Offida, due Ripatransone e le altre sono ripartite rispettivamente tra Massignano, Acquasanta Terme, Spinetoli, Colli del Tronto, San Benedetto del Tronto, Montefiore e Carassai.
Tra i progetti più significativi, quelli riguardanti la realizzazione di nuove strutture ricettive e convegnistiche e la ristrutturazione e riqualificazione di borghi e centri storici.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 787 volte, 1 oggi)