SAN BENEDETTO DEL TRONTO – *L’assemblea degli iscritti al circolo di Rifondazione Comunista di San Benedetto, riunitosi nella serata di ieri 28 Dicembre presso la sede di via Alfieri, ha accettato a larghissima maggioranza la proposta elaborata dal comitato direttivo e dal segretario Ezio Vallorani. In virtù di questa votazione, il circolo conferma la propria linea nella ricerca di una efficace candidatura unitaria e converge sulla figura di Giovanni Gaspari, che in questi giorni ha saputo raccogliere i consensi pressoché unanimi di tutti i partiti ed esponenti dell’Unione. In questa situazione Rifondazione saluta con entusiasmo la ritrovata unità politica dei partiti del centrosinistra e invita tutte le forze che hanno contribuito alla definizione della cornice programmatica già approvata e all’individuazione del candidato sindaco a lavorare sin da subito per la costruzione di un programma completo ed innovativo che sappia rispondere alle esigenze dei cittadini e che con essi sappia rapportarsi. La scelta della candidatura unitaria e l’investitura di Giovanni Gaspari vanno infatti considerate l’imprescindibile punto di partenza per un’azione politica aperta alla cittadinanza e che sappia intercettare i bisogni dei cittadini.
San Benedetto versa in condizioni difficili. Ne sanno qualcosa i tanti piccoli commercianti che hanno potuto osservare, soprattutto in questi giorni di festività, una forte contrazione delle vendite. Ne sanno qualcosa i lavoratori stagionali, che da sempre sono i primi a pagare il pegno di un’economia che si indebolisce. Ne sanno qualcosa i giovani, che devono affrontare un mercato della casa chiuso e quasi completamente inaccessibile. E ancora, i disoccupati che hanno sempre maggiori difficoltà a trovare una occupazione stabile e affidabile; gli anziani, le cui pensioni perdono ogni giorno in potere d’acquisto, e che devono affrontare spese altissime per una tutela sociale che troppo spesso le istituzioni (e in primis il comune) non hanno saputo fornire.
A tutte queste istanze ed a tante altre la passata giunta Martinelli non ha saputo offrire risposte convincenti ed efficaci, anzi ha fatto della svendita dei beni pubblici il proprio cavallo di battaglia.
Rifondazione Comunista invita tutti i partiti dell’Unione ad affrontare pubblicamente questi nodi, cruciali per il futuro della città e dei cittadini, ed a costruire le nostre risposte per rilanciare l’economia ed i servizi della nostra città.
*Rifondazione Comunista San Benedetto del Tronto

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 596 volte, 1 oggi)