GROTTAMMARE – Con il consenso della maggioranza è stato approvato, giovedì 22 dicembre, durante l’ultima seduta, per il corrente anno, del Consiglio Comunale, il bilancio di previsione per il 2006.
Il dibattito, al quale hanno partecipato un po’ tutti i consiglieri, sia di maggioranza sia di minoranza, ha posto l’accento sulla vocazione prettamente politica del documento finanziario.
All’ordine del giorno anche la discussione circa l’ingresso del Comune di Grottammare nella Società Asteria s.r.l., l’Istituto di ricerca tecnologica applicata dal capitale a maggioranza pubblico.Con il parere favorevole della sola maggioranza, il Consiglio ha deciso di aderire al patrimonio sociale con una quota dell’1%, pari a 10.000 euro.
Approvati tutti i punti, ad eccezione di uno: non essendo ancora scaduti i termini per la presentazione delle osservazioni, non è stato definitivamente ratificato il secondo Programma pluriennale d’attuazione del vigente Prg, del quale è stato votato, invece, il rinvio al prossimo consesso.
Concordo unanime è stato raggiunto a proposito della destinazione della quota 2006 per gli interventi sugli edifici religiosi cittadini, che saranno restaurati attraverso proventi derivanti dagli oneri d’urbanizzazione secondaria.
I restanti argomenti (tutti ruotanti attorno al documento finanziario di cui sopra), compresa la proposta della Commissione Anci – terremoto circa i problemi riguardanti la ricostruzione post-terremoto in vista della finanziaria 2006, che non prevede specifiche risorse per le Marche, non sono stati votati dalla minoranza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 291 volte, 1 oggi)