ASCOLI PICENO – Sei cittadini stranieri e due italiani arrestati per traffico di stupefacenti, ricettazione, possesso di carte di credito contraffatte e inosservanza di decreti espulsione dall’Italia. E’ il bilancio di una operazione compiuta nel Piceno dal Reparto operativo del Comando provinciale dei Carabinieri di Ascoli, guidato dal Ten. Col. Salvatore Minniti. Il risultato più importante ha riguardato l’intercettazione sull’autostrada A14 di due marocchini, corrieri della droga, che trasportavano nella loro auto 8 chilogrammi di hashish in panetti e circa 50 grammi di cocaina.
I due, residenti nel Piceno, avevano prelevato la droga in Lombardia, e si apprestavano a spacciarla nel sud delle Marche. Tra gli arrestati anche un cittadino nigeriano clandestino, già espulso con decreto del 5 novembre dal Questore di Forlì, e tre rumeni, anch’essi clandestini, fermati dai militari della Compagnia di San Benedetto del Tronto. Già colpiti da provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, sono stati tratti in arresto con l’accusa di ricettazione, possesso di carte di credito clonate (4 rinvenute) e falsa attestazione d’indentità.
L’operazione dei Carabinieri ha portato anche all’arresto di due tossicodipendenti, a Monsampolo del Tronto e a San Benedetto. Il primo è uno studente romano trovato in possesso di 250 grammi di marijuana, mentre il secondo è un ascolano che deteneva circa 20 grammi di cocaina.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 401 volte, 1 oggi)