Chiaravalle. Il Centobuchi ormai affetto dalla sindrome della trasferta incassa un’altra sconfitta contro la Biagio Nazzaro. La Biagio salta così da meno 5 a meno due punti e soffiando sul collo dei ragazzi di Mister De Amicis riaprono il campionato. De Amicis recupera in extremis i tanti acciaccati del dopo-Vigor: Corradetti, Cameli e Capriotti. Primo tempo noiso che vede due buone occasioni per il Centobuchi con De Angelis (deviazione sballata a due passi da Marinelli) e Marcucci (diagonale debole).Il gioco cambia ritmo nel secondo tempo con una Biagio che accelera e che cinica e spietata, è capace di sfruttare gli episodi, di mantenere freddezza e lucidità al contrario del Centobuchi . E così che al 62’ Pantanetti offre la palla goal a Gentilucci che non sbaglia grazie anche all’ingenuità di Spina. Il Centobuchi cerca di risalire, sempre con De Angelis che cerca il goal, ma il portiere avversario non perdona. Centobuchi in agitazione e demoralizzato si trova a giocare in 10 grazie all’espulsione di Alessandrini. Ma l’incubo non finisce qui, infatti ecco al 73’ un rigore per la Biagio dovuta ad una collisione tra Cameli e Marcucci. Il rigore viene trasformato in goal da un ex del Centobuchi, Carmine Consales, ventotto gol in due stagioni al Centobuchi. Colpo duro da incassare specie quando Consales, dimenticando tutto quello che la società, allenatore e compagni del Centobuchi hanno fatto per lui in due anni corre ad esultare in modo del tutto non sportivo sotto la curva dei tifosi offendendoli con gesti che poteva rispiarmirsi. Ingrato. Si conclude così l’ultima partita prima delle pausa natalizia con un pugno in faccia al Centobuchi che deve fare i conti con una Biagio ormai in risalita dopo la serie di lunghi pareggi e che aspetta un passo falso per balzare in vetta alla classifica.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 154 volte, 1 oggi)