SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una platea numerosa e qualificata di amministratori locali, imprenditori, esponenti del mondo associativo ha infatti preso parte ai lavori, mostrando viva attenzione ed una forte condivisione rispetto all’approccio che il Comitato distrettuale ha inteso dare non solo all’incontro, ma a tutto il percorso di costruzione del nuovo modello di sviluppo.
I temi dell’innovazione, dell’integrazione e della sostenibilità sono stati infatti al centro degli interventi dei vari relatori; particolarmente apprezzati e stimolanti.
Ad arricchire ulteriormente l’incontro ed a conferma dello spirito di profonda partecipazione che lo ha caratterizzato, si sono registrati svariati interventi di imprenditori e rappresentanti delle organizzazioni di categoria del territorio, di esperti e studiosi, che hanno fornito lo spunto per un dibattito e per le conclusioni puntuali ed efficaci del Vice Presidente della Regione Marche, Luciano Agostini.
Nel suo intervento Agostini ha più volte sottolineato, apprezzandolo, il progetto di sviluppo lanciato dal COICO sottolineando – unitamente al Presidente della Provincia di Ascoli Piceno – Massimo Rossi – come il “Patto di Distretto? non sia un’imposizione dall’alto ma la logica conclusione di un percorso che ha visto e vedrà ancora di più nel futuro gli attori del territorio fortemente impegnati e coinvolti, in un percorso condiviso come condivisi devono essere gli obiettivi ed i piani di azione.
Importanti ed apprezzati anche gli interventi del Dr. Sergio Bozzi, Dirigente regionale alle Politiche Comunitarie che, intervenuto in rappresentanza dell’Assessore Petrini, trattenuto fuori regione da improvvisi impegni istituzionali, ha illustrato in maniera chiara ed esauriente il processo di avvicinamento alla nuova programmazione comunitaria dei fondi strutturali, evidenziando i timori per la riduzione delle risorse, ma anche le potenzialità che tuttora essa offre al territorio.
Di innovazione negli strumenti d’intervento ha parlato anche il Dr. Fabrizio Costa – referente regionale del Ministero dell’Economia e delle Finanze e già apprezzato Dirigente della Regione Marche, che si è soffermato maggiormente sulle politiche nazionali e sulle relative opportunità.
Sulla scia dei riconoscimenti ottenuti e dell’impulso ricevuto, il COICO è gia attivo per iniziare a concretizzare i propri sforzi ed ha in programma una serie di incontri dai quali si attende la validazione delle scelte strategiche rispetto alla programmazione locale e regionale, il riconoscimento di alcuni filoni progettuali prioritari nell’ambito degli strumenti di intervento comunitario in via di elaborazione ed il sostegno alla costruzione del “patto di distretto?.
Il “Nuovo Modello di Sviluppo?, infatti, nelle intenzioni del Comitato di Indirizzo e Coordinamento dovrà basarsi su tre punti fondamentali:
– una visione condivisa degli scenari di riferimento per il distretto;
– linee strategiche di azione adeguate ad accompagnare e stimolare l’evoluzione del distretto nel nuovo scenario;
– un metodo nuovo, efficace (in quanto condiviso e mirato ad obiettivi chiari e selezionati) di gestione delle politiche distrettuali e delle risorse.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 216 volte, 1 oggi)