ANCONA – Lo sciopero di lunedì 12 Dicembre, coinciso con l’avvio del nuovo orario, ha messo in luce, ancora una volta, la disorganizzazione dell’azienda Trenitalia, come già denunciato in molte occasioni dal Movimento Pendolari dell’Adriatico. Sono bastate otto ore di sciopero per sconvolgere completamente il quadro della movimentazione regionale ed interregionale. Buona parte dei treni in partenza nelle ore successive alla fine dello sciopero, ha subito ritardi nell’ordine di un’ora, su tutte le direttrici: a tre ore di distanza dalla fine dello sciopero, la stazione centrale di Ancona era stracolma di pendolari con gli occhi incollati al tabellone orario alla ricerca di un treno in partenza.
Quello che ci fa più indignare, come utenti e come Movimento Pendolari dell’Adriatico, è la mancanza assoluta di tempestività delle informazioni: i ritardi sono stati segnalati accumulando 10 minuti per volta nonostante ne fosse evidente fin da subito l’entità. Inoltre in molte stazioni minori l’informazione è stata completamente assente (monitor non funzionanti) e solo grazie alla nostra rete di rapporti siamo riusciti ad informare telefonicamente gli altri pendolari in attesa.
Al danno, come sempre, si aggiunge la beffa ed i pendolari diretti verso Pescara, pur avendo un treno garantito anche in caso di sciopero, in partenza da Ancona alle 18,30, si sono trovati a dover attendere quasi 90 minuti ed iniziare il proprio ritorno a casa solo intorno alle 20,00 oltretutto su di un treno “ghiacciato? a causa del sistema di riscaldamento rotto, come frequentemente accade.
L’ultimo ritardato regalo di Trenitalia, è stato ricevuto Martedì mattina dai pendolari in partenza dalla Stazione di Ascoli con il treno delle 5,35, che sono rimasti bloccati in stazione perché la littorina è stata soppressa: non conosciamo le ragioni di questo stop anche perché, come sempre, nessuno ne ha date.
Per il Movimento Pendolari dell’Adriatico
Claudia Maduli
Stefano Strozzieri

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 512 volte, 1 oggi)