SAN BENEDETTO DEL TRONTO — Egregi signori della redazione di “Sambenedetto Oggi”, mi chiamo Massimo D’Adamo, ho 29 anni e sono nato a San Benedetto anche se ormai da 10 anni vivo a Milano, prima per studio ora per lavoro.
Per tenermi aggiornato su ciò che accade a San Benedetto visito quotidianamente il Vostro sito e oggi mi ha colpito l’intervento su Trenitalia e la Vostra iniziativa circa l’inchiesta ai fini di accertare i disservizi causati da Trenitalia a chi nella Regione Marche viaggia in treno con una certa frequenza.
Vi scrivo, infatti, per segnalarvi come esista un’associazione costituita da coloro che usufruiscono dei “servizi” di Trenitalia nella nostra Regione che si chiama “Movimento Pendolari dell’Adriatico”: chi legge questa mail in conoscenza, Luca Abeti, è il Presidente, mentre chi Vi scrive è il riferimento per la tratta a lunga percorrenza Pescara-Bologna-Milano.
Ritengo, pertanto, che per condurre la Vostra inchiesta un’eventuale collaborazione con il Movimento Pendolari dell’Adriatico potrebbe essere una strategia win-win perchè permetterebbe alla Vostra redazione di avere una voce importante da chi usufruisce dei servizi Trenitalia ed al Movimento di avere un altro mezzo per portare alla luce i disservizi esistenti. Oltre a questa iniziativa, mi metto personalmente a disposizione per iniziare scrivendo con Voi un intervento sui disservizi sulla tratta San Benedetto-Milano, facendomi portavoce di una serie di ragazzi (tutti professionisti fra i 25 e i 30 anni che lavorano a Milano) che da anni percorrono mensilmente questa tratta. Vi posso anticipare che precisamente 10 anni fa, nel 1995, quando ho iniziato a percorrere questa tratta, per arrivare a Milano la domenica pomeriggio impiegavo nominalmente circa 4h e 45minuti: oggi, sempre sulla carta, ci vogliono 5 e 45minuti. E questo è solo una delle varie considerazioni sui disservizi che fra noi “pendolari” facciamo, tenendo presente che la Regione Marche continua a versare nelle casse di Trenitalia chissà quali cifre per riempire treni e stazioni di pubblicità sulla nostra Regione.
Spero che da questa mail possa iniziare una positiva collaborazione.
Cordiali saluti, Massimo D’Adamo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 843 volte, 1 oggi)