RIPATRANSONE – Rinnovamento è la parola d’ordine. Benché l’anno non sia ancora finito, la Ripa ha deciso di interrompere consensualmente il rapporto che legava Giuseppe Antognozzi alla società amaranto. Il motivo, uno dei più classici nel panorama calcistico, è stata la mancanza di risultati (penultimi in classifica) in questi quattro mesi di permanenza. Soltanto dieci punti conquistati in undici gare disputate: due vittorie (Pagliare 3-1 e Appignanese 3-2), quattro pareggi e otto sconfitte.
Poco, davvero poco per il blasone che la Ripa rappresenta in tale campionato. La passata stagione ad un passo dai play off, ora ad un passo dalla retrocessione. L’umiliazione dei play out sembra essere l’unica alternativa attuabile in simili circostanze. Tuttavia la Società capitanata dal Patron Lucci, ha scelto l’ultima carta per togliere tutto e tutti dall’imbarazzo: Giancarlo Cesari.
Nel contempo che la dirigenza si adoperava nella ricerca del nuovo allenatore, il responsabile del settore giovanile della Ripa Mario Palanca ha preso le redini della squadra per due gare (pareggio con la Valtesino 1-1 e sconfitta con il Porto d’Ascoli 0-1) ricreando quegli stimoli e quella mentalità necessari in ogni gara. I ragazzi avevano ritrovato fiducia nei propri mezzi dopo lo scoramento di questo tribolato campionato.
Il compito più arduo ora spetta a Cesari. La squadra, per essere consapevole delle forti potenzialità che possiede, deve innanzitutto cominciare a fare risultati positivi continuativi. In tal modo l’ottimismo, il fattore psicologico e il gioco verranno da sé. Benché non sia stato fortunato l’avvento sulla panchina per il nuovo trainer amaranto, incappato con una sconfitta maturata nel finale ad opera del Petritoli, i presupposti per far bene ci sono.
Il tecnico Cesari, oltre ad essere un grande conoscitore della categoria, è un mister dotato di grande esperienza umana e calcistica. La pausa per le festività natalizie sarà fondamentale per recuperare i giocatori non solo sotto il profilo fisico ma manche mentale. La svolta è dietro l’angolo, volere è potere.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 343 volte, 1 oggi)