SAN BENEDETTO DEL TRONTO – *Martedì scorso 6 Dicembre il TAR delle Marche ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata da alcuni privati contro il deliberato N° 26 del 12/10/05 del Commissario Straordinario di S. Benedetto del Tronto relativo alla reiterazione dei vincoli di destinazione di aree per attrezzature pubbliche di quartiere per l’istruzione.
I Verdi di S. Benedetto esprimono soddisfazione per la sentenza del TAR Marche che ribadisce, di fatto, che la programmazione dell’utilizzo del territorio è di competenza delle Amministrazioni Locali in funzione del prevalente interesse pubblico.
Con questa sentenza si è arginato il pericolo di vedere aree strategiche per la città, destinate a istruzione pubblica, verde pubblico e di quartiere, impianti sportivi, parcheggi etc.,trasformate in aree di completamento a destinazione abitativa.
Sarà ora, un impegno delle prossime Amministrazioni trasformare i vincoli nei servizi necessari alla collettività e alla vocazione turistica della città. Ci si augura di non ritrovarci, fra qualche anno, nella medesima situazione che si è venuta a creare recentemente, perché in questo caso, sarà difficile arginare i legittimi interessi dei privati.
I Verdi nel ribadire, che non è più rimandabile interventi in tal senso, ringraziano il Commissario Straordinario di S. Benedetto Tr., il personale del Comune che ha permesso con il proprio lavoro di raggiungere tale obiettivo e quella parte della stampa locale che ci ha aiutati a rendere pubblico il grave pericolo che incombeva sulla città.
I Verdi ricordano infatti, che i loro interventi pubblici sulla tematica sono risultati, in fase di dibattimento al TAR, elementi importanti per il rigetto della sospensiva chiesta dai privati.
*Per i Verdi di S. Benedetto Pietro D’Angelo

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 354 volte, 1 oggi)