QUI MONZA – Lunedì atipico in casa rossoblu. Nemmeno il tempo per smaltire le recriminazioni maturate ieri pomeriggio in quel di Genova, la squadra si è giocoforza dovuta rituffare nel campionato, visto che dopodomani (ore 14.30) a Sesto San Giovanni si recupererà la partita rinviata lo scorso 26 novembre a causa dell’abbondante nevicata che imbiancò il centro alle porte di Milano.
Si vive insomma una sorta di vigilia e, nonostante i rivieraschi possano godere di un giorno di riposo in meno rispetto ai prossimi avversari, che infatti hanno giocato sabato scorso, dovranno tentare in tutti i modi di tornare a fare punti in trasferta – come più volte rimarcato nel recente passato, non succede dallo scorso 4 settembre, quando Martini e soci passarono al Comunale di Teramo col risultato di 4-1 -, visto che la classica, ad ammetterlo ieri pomeriggio, nelle viscere del Ferraris, sono stati gli stessi Luciano Zecchini e Mario Miele, comincia a farsi preoccupante.
Certo conforta la prestazione sfornata ieri in Liguria dall’undici marchigiano, ma al contempo la Pro Sesto, prossima avversaria, va presa con le molle, soprattutto alla luce del fatto che due giorni fa ha messo in seria difficoltà una formazione attrezzata come lo Spezia.
Nel pomeriggio, come si diceva in apertura di articolo, la squadra ha lavorato presso il Monzello, il centro sportivo del Monza, dove Zecchini ha fatto svolgere una seduta defatigante a quanti ieri sono scesi in campo dal primo minuto a Marassi. Per gli altri lavoro atletico e con la palla. Domani mattina un’unica seduta di rifinitura in vista della gara contro la Pro Sesto, dopo della quale la Samb farà ritorno in riviera.
In mattinata intanto è partito alla volta di Fiume il difensore anconetano Michele Santoni, impegnato proprio mercoledì (alle 13) con la selezione di C allenata di Giorgio Veneri, che per la fase finale della Mirop Cup affronterà la Croazia.
Assente il calciatore dorico, mister Zecchini potrà fare conto sull’impiego di Femiano, che proprio ieri ha scontato il turno di squalifica rimediato contro la Pro Patria due domeniche fa.
QUI SESTO – La squadra di Giovanni Trainini ha ripreso ieri la preparazione in vista del recupero della tredicesima giornata che andrà in scena dopodomani pomeriggio allo stadio Breda.
I biancocelesti si sono divisi in due gruppi: a pieno regime hanno lavorato coloro i quali sono rimasti al palo contro lo Spezia, sabato scorso, mentre i titolari nella sfida contro la vice-capolista hanno svolto una seduta defatigante.
Oggi invece il gruppo si è ritrovato al completo.
Il tecnico lombardo è chiamato a ricaricare le pile dei suoi, giù di giri alla luce del beffardo pareggio incassato all’89’ al cospetto della formazione ligure – i locali erano passati in vantaggio (21’) con una rete di Salvi. Peraltro il gol del pari bianconero, scaturito da un rigore perlomeno dubbio (presunto fallo di Bendoricchio), ha scatenato le ire degli ultras sestesi che hanno costretto il direttore di gara, Massimo Mannella di Avezzano, a posticipare l’uscita dallo stadio biancoceleste.
Cottini e i suoi compagni si sono insomma visti sfuggire due importantissimi punti proprio negli ultimi istanti di gara e ora il match contro la Samb, appaiata anch’essa a quota 17 in graduatoria, assume connotati se non decisivi, molto importanti, per il proseguo di torneo della Pro Sesto.
Arbitro. Pro Sesto-Samb sarà affidata a Cristian Zanzi (educatore) di Lugo di Romagna, come stabilito lo scorso 25 novembre, alla vigilia della partita dello stadio Breda. Rammentiamo che Zanzi vanta quattro precedenti coi rossoblu: un pareggio, una vittoria e due sconfitte il bilancio complessivo per la compagine marchigiana che ritrova il fischietto romagnolo dopo due stagioni (Samb-Benevento 0-2).
Zanzi sarà coadiuvato dagli assistenti di linea Cristiano Conti di Lugo di Romagna e Nicola Capriolo di Forlì.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 426 volte, 1 oggi)