Femiano: “Gara sfortunata, nel primo tempo c’era sicuramente un rigore su Martini. Oggi abbiamo disputato una buona partita contro la prima della classe. Cos’è mancato? Solo un po’ di fortuna perché per il resto abbiamo giocato alla pari con il Genoa. Se riusciamo a ripetere la prestazione di oggi sono convinto che faremo punti sia contro la Pro Sesto che contro il Giulianova.
Stellini: “Perché ho tirato io il calcio di rigore? Oggi in squadra non c’erano rigoristi. Io me la sentivo e l’ho calciato. E’ stato molto importante, questi sono tre punti decisivi per la nostra classifica?.
Zaniolo: “A mio avviso il rigore era netto, sono stato tirato giù al momento di calciare. Tra l’altro nel corso dei novanta minuti ce ne era un altro molto netto a nostro favore. Oggi abbiamo sfornato una prova di grande carattere e abbiamo dimostrato di essere un grande gruppo, dando una grossa risposta ai tre punti di penalizzazione che ci sono stati inflitti venerdì scorso?.
Angelo Fabiani (d.g.): “La squadra va elogiata soprattutto per l’aspetto caratteriale. Accettiamo anche gli ultimi punti di penalizzazione che ci sono stati inflitti, oggi però era troppo importante vincere. Soddisfatto? La gara è stata difficile, la Samb la conoscevamo abbastanza bene, del resto tutte le squadre vengono a Genova con uno spirito particolare; vincere a Marassi equivale a salvare una stagione. Ho mandato a vedere la Samb diverse volte, ma non mi risulta che i rossoblu abbiano mai disputato una partita come quella di oggi?.
Vavassori (prima di parlare con i giornalisti ha incontrato gli alunni di una squadra elementare genovese): “E’ stata una partita sofferta, il risultato è stato in bilico fino alla fine, ma questa non è una novità bensì una costante. Nel corso della gara, per altro, non siamo stati molto fortunati: la Samb si difendeva bene con una difesa a cinque c’erano davvero pochi spazi. In ogni caso credo che nel complesso abbiamo meritato la vittoria in relazione a ciò che abbiamo costruito. Meglio nella ripresa? Sì, anche perché il pari alla Samb andava bene, mentre nel secondo tempo, dopo il gol, abbiamo avuto più spazi e dunque più libertà. In merito ai rigori non dati alla Samb, nel calcio ci sono sempre questo tipo di proteste. È sempre stato così e sempre sarà. Bisogna accettarlo, nel bene e nel male?.
Zecchini è arrivato in una sala stampa oramai quasi vuota attorno alle 18. “Sconfitta immeritata – ha esordito – Sono molto contento per la prestazione dei ragazzi che finalmente hanno fatto gruppo, giocando in maniera molto più equilibrata rispetto al recente passato. I reparti hanno finalmente funzionato dimostrandosi collegati tra loro. Il rigore? Può darsi pure che c’era, ma la squadra non può perdere per un fallo in area di rigore che poi l’arbitro, nei casi che ci hanno riguardato da vicino, ha valutato con un metro di giudizio differente. Oggi mi è piaciuto molto Perrulli (apprezzato dai colleghi della stampa genovese, ndr). L’ho fatto uscire perché accusava dei crampi. Tra le motivazioni per la prova positiva ci può essere stato l’avversario di prestigio che ha influito, e magari anche il cambio di società; sapevo che Soldini ci teneva molto a fare bella figura a Genova. In ogni caso ritengo il merito maggiore vada ai ragazzi, i quali hanno dato tutto quello che potevano dare. È vero, sono un ex giocatore della Sampdoria, ma oramai mi sono quasi dimenticato di essere un giocatore della Samp.?
Stasera la Samb si trasferirà direttamente a Monza in vista della gara di Sesto San Giovanni; nei prossimi giorni i rossoblu si alleneranno nel centro sportivo del Monza Calcio, Monzello, che è stato gentilmente concesso dalla società brianzola.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 574 volte, 1 oggi)