SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Fece il suo primo esordio ufficiale in occasione del sentito derby con l’Anconitana, il 3 aprile 1949. La maglia grigia della Samb, che sarebbe divenuta, pochi anni più tardi, il simbolo della storica prima promozione in serie B, era stata utilizzata, all’inizio di quel campionato (1948-‘49), come seconda divisa, in sostituzione di quelle metà rosse e metà blu disegnate seguendo lo stile del grande Genoa di quegli anni.
La stoffa di maglina per la seconda maglia fu fornita da Nazzareno Bruglia, commerciante all’ingrosso di tessuti e affini. Vennero inserite, al centro, in senso orizzontale, due piccole strisce (ognuna di circa 4 centimetri), in alto la rossa e in basso la blu, che andavano a fasciare il petto dei calciatori. Ad indossarla per la prima volta furono Capralini, Taffoni, Frignone, Paci, Palestini, Santi, Sansolini, Notti, Traini, Palestini e Maruzzella. La divisa grigia, amata particolarmente dal tecnico triestino Piero Pasinati, è tornata dopo ben cinquant’anni a rappresentare la compagine che nelle gloriose stagioni passate, meritò il soprannome di reginetta dell’Adriatico.
L’occasione è certamente delle più prestigiose, il ritorno al Marassi di Genova per incontrare la più antica società sportiva d’Italia. Una scelta che va a consacrare il campionato in corso come la stagione celebrativa della prima promozione in serie B, avvenuta esattamente cinquanta anni fa.
“L’idea di riadottare questa maglia – ha affermato il responsabile marketing Nando Vezzola – rientra in un programma celebrativo partito con la campagna abbonamenti e con tutte le altre iniziative che quest’anno l’ufficio marketing rossoblu ha intrapreso. Ci auguriamo tutti che la scelta di giocare con le maglie d’epoca possa essere di buon auspicio per il nuovo corso societario, nel frattempo non posso che ringraziare Luigi Pignati della Copyright che ha lavorato a tempo di record per consentire alla squadra di scendere in campo a Marassi con le nuove maglie e al giornalista e storico Pino Perotti per la preziosa consulenza fornita?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 465 volte, 1 oggi)