SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Iniziamo con la formazione scesa in campo: Esposito, Pignotti, Gatti, Marconi, Rosetti, Badaloni. Ragazzi che hanno dato l’anima ed ai quali non si può rimproverare nulla se non l’ingenuità che li ha contraddistinti durante la gara casalinga nella quale la Riviera delle Palme riceveva il San Saverino.
I settempedani, probabilmente, sono la peggior formazione vista finora nel girone G del campionato Under 21 e, sicuramente, in condizioni normali, la pratica si sarebbe chiusa con una goleada già nella prima frazione di gioco. E invece? Mister Capriotti poteva disporre di soli sei elementi (con il portiere Esposito a mezzo servizio, a causa di un problema alla caviglia) i quali, fino a cinque minuti dal termine, erano in vantaggio 4-2, con diverse occasioni da rete divorate. Poi, come spesso accede nel C/5, pesanti ingenuità, un normale calo fisico, ed eccoti confezionato il 4–5 finale a favore dell’incredulo San Severino.
Buona la prestazione di Rosetti, autore di una doppietta ma reo di non aver sfruttato le occasionissime per chiudere la gara quando ve ne era la possibilità. Purtroppo, la regola del “chi sbaglia…paga? è stata impietosa per i rivieraschi, anche se di fronte non si aveva certo una formazione irresistibile. Anche per l’Under 21, come per la prima squadra, il futuro è colmo di nubi…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 343 volte, 1 oggi)