SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Riempito anche il vuoto in trasferta. Il Grottammare ripete l’impresa di sette giorni fa battendo, seppur di misura, il Sansepolcro per 1-0. A cinque minuti dal termine, i biancoazzurri centrano l’exploit grazie a Gasparroni, l’uomo partita. Un successo vitale per il team di mister Amaolo che vede più vicino la salvezza.
Imbattuto tra le mura amiche, il Centobuchi allunga il passo sulla Biagio Nazzaro ancora bloccato da un pari. Ora sono quattro i punti di distacco tra le due formazioni. Vetta più che consolidata quella che i ragazzi del tecnico De Amicis hanno conquistato gara dopo gara in virtù anche del decimo trionfo ai danni del Lucrezia per 2-1.
Identico risultato della Cuprense sul Settempeda. Il 2-1 rifilato alla squadra di Strappini ha un sapore particolare: è la prima vittoria che i gialloblu ottengono davanti ai propri sostenitori. La formazione di Clerici chiude la pratica nel giro di mezz’ora quando allo svantaggio iniziale rispondono con un rigore di Perozzi e un gran destro di Lucidi.
Finisce 1-1 il derby tra la Ripa e il Valtesino. Le reti vengono siglate nei primi dieci minuti di gioco, al rigore di Deogratias fa eco una testata di Cicconi. Per gli amaranto era importante non perdere visto il caos regnato in questa bollente settimana con le dimissioni dell’ex trainer Antognozzi e l’arrivo del responsabile del settore giovanile Palanca che ha avuto il coraggio di schierare due giovanissimi, Cameli (classe 89) e Fioravanti (classe 87).
Interrompe il cammino verso la zona promozione il Porto d’Ascoli, battuto per 3-1 dalla Sangiorgese. Gabaldi, Mozzoni e Mandorlini i giustizieri dei biancocelesti mai entrati in partita. Da consolazione il gol siglato da Andrea Induti che ha parzialmente ridotto il divario. La squadra di mister Grilli è apparsa meno tonica e convincente delle altre volte.
Risorge l’Acquaviva, batte con un rotondo 2-0 il Comunanza in una gara valevole come scontro salvezza. Di Salvatore e Marcelli firmano la vittoria in seguito ad una prestazione convincente che fa ben sperare per il futuro. Il cammino per non retrocedere è ancora lungo e faticoso, i tre punti conquistati sono solo l’inizio di questo itinerario.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 311 volte, 1 oggi)