SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Gli ultimi viaggi verso la Lombardia non erano stati, i tifosi rossoblù lo ricorderanno, di quelli memorabili: la Samb di Galderisi uscì dal Brianteo di Monza con tre reti sul groppone e, soprattutto, con la certezza che il buon avvio di campionato (due vittorie di fila, contro Novara e Teramo) era da valutarsi alla stregua di un fuoco di paglia.
A Pavia, correva l’ottava giornata, andò ancora peggio, e non ci riferiamo nè al gioco nè tantomeno al punteggio (2-0 per i padroni di casa), ma a quanto avvenne nella stessa serata: l’ex Mundial infatti fu rimosso dal suo incarico e sulla panchina rossoblù venne chiamato Luciano Zecchini.
Domani la squadra del tecnico romagnolo avrà invece la possibilità di dare seguito ai lievi segnali di ripresa intravisti domenica scorsa al cospetto del Pizzighettone, terza forza del torneo, dopo i due tracolli maturati a Salerno e al Riviera contro il Cittadella. Ma crediamo che non sarà facile avere ragione di una Pro Sesto in salute, rigenerata dalla cura Trainini e reduce da due vittorie consecutive. Lombardi e marchigiani sono appaiati in classifica a quota 16, equidistanti dalla zona play out e dalla zona play off; al Breda andrà insomma in scena una sorta di spareggio per allontanare eventuali preoccupazioni in seno alla classifica.
Il tecnico rossoblù ha finalmente visto svuotarsi l’infermeria, sempre piena praticamente da inizio stagione: Gianluca Colonnello, tanto per fare un esempio, dopo due mesi di calvario in seguito alla rottura del polso destro, è tornato disponibile e nel primo pomeriggio odierno è partito alla volta di Milano con altri 18 compagni.
L’ex Pescara partirà dalla panchina, in ogni caso il suo caso è sintomatico di una situazione, in ordine agli infortuni, tornata nuovamente nella norma. In settimana hanno infatti lavorato a pieno regime i vari Scandurra, Gazzola e Femiano, fuori causa domenica scorsa per problemi di natura muscolare. Zecchini domani potrà fare conto su tutti e tre.
Confermata la difesa a cinque che contro il Pizzighettone, pur avendo denotato sbandamenti e amnesie che oseremmo definire congenite, ha perlomeno lasciato intravedere un maggiore equilibrio – rientra, come detto, Gazzola, il quale prenderà il posto di Cornali – Zecchini dovrebbe lasciare in panchina Paolucci, che si è allenato solo ieri pomeriggio e stamane, nel corso della seduta di rifinitura, dopo aver smaltito la contrattura al polpaccio sinistro.
Unitamente all’esclusione dell’ex Primavera dell’Udinese, e all’indisponibilità di Perrulli, squalificato, l’allenatore di Forlimpopoli sta maturando l’idea di proporre, al Breda, una sorta di tridente con Yantorno, defilato sul versante destro, a fare la spola tra centrocampo e attacco. Scandurra agirebbe da punto di riferimento più avanzato, con Martini leggermente più indietro e spostato sulla sinistra.
A centrocampo confermati d’altro canto sia De Rosa che Faieta.
Segnaliamo in ultimo che stamattina la Samb ha sostenuto la seduta di rifinitura al Ciarrocchi di Porto d’Ascoli e dopo aver fatto pranzo è partita alla volta del ritiro milanese (intorno alle 13.15).
Tifosi. Saranno al massimo 150 – comprensivi degli sportivi provenienti dal Nord Italia – i tifosi che domani sosterranno la compagine rivierasca in quel si Sesto. 90 sono infatti i biglietti venduti dal Centro Coordinamento Club Curva Nord, mentre un’altra ventina sono stati staccati presso il Samb Point e la Libreria Nuovi Orizzonti.
Domani mattina davanti al piazzale del Riviera delle Palme un pullman, quello allestito dal CCCCN, partirà in direzione Milano. Segnaliamo che le previsioni meteo parlano, in riferimento al centro meneghino, di consistenti possibilità di nevicate per la giornata di domani.
QUI SESTO SAN GIOVANNI – Stamane a Sesto ha nevicato, anche se al momento non paiono esserci comunque rischi in merito alla disputa della sfida tra i lombardi e la Samb. La squadra di Giovanni Trainini ha sostenuto proprio stamattina, allo stadio Breda, l’ultimo allenamento. Poche novità in vista rispetto all’undici che domenica scorsa è passato sul campo del Novara; l’unico dubbio concerne la difesa, dove l’esterno sinistro Ferracuti, non al meglio in virtù della distorsione alla caviglia rimediata proprio al Piola, potrebbe lasciare il posto a Bersi.
In difesa dunque l’ex rossoblù Cottini, mentre in avanti è confermata la temibile coppia di attaccanti Sansovini-De Paula, coadiuvata dall’estro di Ruffini – i tre giocatori hanno segnato 9 delle 11 reti totalizzate sinora dalla compagine biancoceleste.
Le probabili formazioni di domani pomeriggio.
PRO SESTO (4-4-2): Borghetto, Gregori, Bersi, Fracassetti, Cottini, Zattarin, Salvi, Preti, De Paula, Ruffini, Sansovini. A disposizione: Giussani, Bendoricchio, Ferracuti, Billio, Buretta, Lazzaro, Beccegato. Allenatore Giovanni Trainini.
SAMB (5-3-2): Di Dio, Gazzola, Macaluso, Femiano, Guastalvino, Zanetti, Faieta, De Rosa, Scandurra, Martini, Yantorno. A disposizione: Rosati, Michele Santoni, Cornali, Colonnello, Mattia Santoni, Pepe, Paolucci, De Lucia. Allenatore: Luciano Zecchini.
Arbitro: Cristian Zanzi di Lugo di Romagna.
Assistenti: Cristiano Conti di Lugo di Romagna e Nicola Capriolo di Forlì.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 533 volte, 1 oggi)