SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sofia e Maria, gemelle di 12 anni, Giacomo 10 e Lucia 7, formano un team famigliare di pattinaggio con pochi precedenti nella nostra città. Il loro cognome è D’Annibale, la loro più grande aspirazione vincere, vincere e vincere. Per esempio Lucia, la più piccola ha vinto tutti i trofei ai quali ha partecipato nella categoria “cuccioli?. E’, come si suol dire, imbattibile e molto deve all’esempio ricevuto dalle sorelle e dal fratello più grande. Da loro ha imparato principalmente che un atleta vince, prima che in gara, negli allenamenti, è lì che nasce un campione. Il sacrificio e l’impegno quando si allenano è diventato per loro una cosa normale e i risultati si vedono.
Sofia è stata tre volte campione provinciale nella categoria “giovanissimi?, ha ottenuto diverse piazze d’onore e addirittura il nono posto agli assoluti nazionali “Ragazza 1° anno?, categoria nella quale gareggiava con ragazze con un anno in più, stessa cosa per la gemella Maria, che non ha ancora ottenuto primi posti ma tanti ottimi piazzamenti. Giacomo, esordiente, ha vinto il trofeo Province a Pesaro dove è arrivato secondo nella combinata. Insomma la famiglia D’Annibale fra poco cambierà abitazione perchè ha bisogno di una stanza soltanto per metterci i trofei che si preannunciano copiosi nella prossima stagione.
L’ambizione è infatti quella di vincere ogni anno qualcosa in più. Credo che ci riusciranno. Ho visto in loro una volontà incredibile ed una convinzione che non può che portare bene.
La Pattinatori sambenedettesi ha tanti ragazzi e ragazze, com’è l’ambiente?
“Ottimo-rispondono in coro- ci troviamo benissimo, abbiamo conosciuto tanti amici e amiche con i quali conviviamo magnificamente?. La mamma aggiunge. “E’ veramente un ambiente positivo, io e mio marito siamo felicissimi della scelta anche se per seguirli dobbiamo compiere sacrifici anche noi. D’estate, ogni domenica la dedichiamo a loro, non riusciamo a fare altro ma lo facciamo con gioia?.
E’ sempre filato tutto liscio?
“Qualche momento di sconforto c’è stato e devo ringraziare Franco Luciani, un vero maestro di vita che in quei frangenti ci ha aiutato moltissimo dandoci le motivazioni giuste per continuare?.
Risposta che mamma e i quattro fratelli danno in coro.
Già dai prossimi campionati di Imola (26 e 27 novembre) ci aspettiamo da loro risposte… sul campo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 376 volte, 1 oggi)