ACQUAVIVA PICENA – Il Real Centobuchi esce dal comunale di Acquaviva Picena arrabbiato e con 2 punti in meno causato dal pessimo arbitraggio del signor Ciabattoni della sezione di Ascoli Piceno.
E dire che il Real aveva iniziato bene la sua partita rendendosi pericoloso già al 5’ con Cappelli che calcia una punizione dal vertice sinistro dell’area di rigore ma Rivosecchi ci arriva e fa suo il pallone.
Qualche minuto più tardi è Galiè ad avere il pallone buono tra i piedi ma la sua conclusione dal limite dell’area piccola è debole per impensierire il portiere dello Sporting.
I locali cercano di reagire all’inizio scoppiettante del Real ma non riescono mai ad arrivare dalle parti di Vagnoni, fino a quel momento inoperoso.
Al 26’ arriva il vantaggio biancoblu; angolo di Cappelli, il pallone viene respinto di testa da un difensore avversario, Mandozzi dal limite dell’area fa partire un sinistro al volo che va dritto in rete.
Lo Sportine sembra frastornato e non riesce ad imbastire una trama d’attacco e la prima occasione pericolosa degna di nota si registra attorno al 35’ con un tiro di Chiodi che Vagnoni accompagna sul fondo.
Sul finire di tempo i ragazzi di mister Di Michele si possono portare sullo 0 a 2; Amatucci con un tacco innesca la corrente Giangrossi, dalla sinistra, il quale entra in area ma la sua conclusione si spegne sul fondo.
Nella ripresa lo Sporting prova a farsi pericoloso per poter giungere almeno al pari, ma la difesa del Real è attenta e gli unici pericoli arrivano da palle inattive come la punizione di Chiodi al 49’ che va a stamparsi sulla traversa.
Da qui alla conclusione della partita sale in cattedra il direttore di gara Ciabattoni che fischia ogni qualvolta un giocatore dello Sporting viene anche solo sfiorato, spezzettando il gioco e rendendo nervosi i giocatori in campo.
Al 60’ la svolta dell’incontro: fallo a centrocampo di Gaetani su Gomes, che era in fase di impostazione, e tra l’incredulità generale l’arbitro estrae il cartellino rosso e Real costretto a difendere il vantaggio in inferiorità numerica.
Cinque minuti più tardi Mandozzi può portare a due le proprie marcature della giornata ma la sua conclusione è debole.
All’80’ azione d’attacco dello Sporting, Rosetti viene toccato in corsa da Cherici e per l’arbitro non ci sono dubbi: calcio di rigore ed ennesima contestazione della panchina ospite.
Sul dischetto si presenta Perozzi che spiazza Vagnoni per il definitivo 1 a 1.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 249 volte, 1 oggi)