SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nel dettaglio vi proponiamo le dichiarazioni raccolte in sala stampa nei sette stadi che ieri hanno visto disputarsi le gare valevoli per la dodicesima giornata di campionato. Venerdì si è disputato l’anticipo tra Pavia e Ravenna, mentre domani sera il quadro verrà completato dal derby ligure tra Genoa e Spezia.
Cittadella-Pro Patria Discepoli: “E’ stata una vittoria sofferta. Siamo stati bravi a sfruttare la profondità sui varchi che ci hanno lasciato. Mi aspettavo una squadra arrembante, ma abbiamo reagito bene?. Cupo Foscarini: “Dispiace per questa sconfitta. Ho cercato di raddrizzare la partita e speravo nel pareggio, ma non ci siamo riusciti per la bravura degli avversari, che ci hanno chiuso molto bene gli spazi?.
Monza-San Marino Sonzogni: “Ai punti la vittoria era nostra, ma come spesso capita, ci siamo fatti male da soli: loro han fatto nel primo tempo un tiro e un goal, mentre nel secondo tempo abbiamo giocato solo noi. Certo non è possibile sbagliare due rigori su due: negli spogliatoi non sapevo se elogiare i miei per il pareggio conquistato o sgridarli per le occasioni mancate!?. Buglio: “Non siamo venuti a Monza per fare delle barricate ed abbiamo risposto colpo su colpo al gioco di una buona squadra. Purtroppo, subiamo sempre goal perché non rimaniamo abbastanza attenti e concentrati, su questo dobbiamo certo migliorare?.
Novara-Pro Sesto Resta (Presidente Novara): “Mi dimetto, lascio tutto in mano a Sergio Borgo, sperando che lui riesca a portare a Novara qualcuno che porti linfa fresca. In tre anni mi sono sbattuto tirando sempre fuori del mio e nessuno mi ha dato una mano, solo tante promesse. Mica posso vendere un appartamento al mese per portare avanti il Novara che amo, ma che dai novaresi che contano è ben poco amato?. Trainini (Pro Sesto): “Sfortunato il Novara sul rigore che abbiamo regalato ingenuamente. Per il resto direi che abbiamo vinto meritatamente dopo essere andati in vantaggio forse non nella migliore delle occasioni. Abbiamo gestito bene la gara e abbiamo corso pochi pericoli. Un plauso a Preti che i novaresi ricordano bene. Una pedina indispensabile per ogni squadra?.
Salernitana-Fermana Soddisfatto Sciannimanico che elogia i suoi per l’impegno profuso lamentandosi dell’arbitraggio. Il pareggio è comunque un buon risultato, che permette di continuare a lavorare con i ragazzi. Silenzio stampa per la Salernitana, che comunque annuncia la rinnovata disponibilità del logo del cavalluccio marino, che tornerà sulle maglie granata dalla settimana prossima.
Teramo-Giulianova Dopo-partita incandescente del derby tra Teramo e Giulianova. Tutto è nato dal pareggio giunto all’ultimo minuto per gli ospiti e da un’azione che non e’ stata interrotta, dopo che Bondi era rimasto a terra infortunato. Il fair play è passato in secondo piano ed il Giulianova ha trovato il gol del pari. Ad aggravare ancora più la situazione è stato l’atteggiamento di Califano, che a fine gara con la maglia in mano cercava di recarsi verso la curva dei tifosi teramani. Parapiglia in campo sedato dalle forze dell’ordine e tutti sotto la doccia. In sala stampa entra per primo Cari infuriato, dicendo: “Sulla gara non faccio commenti. L’avete vista e giudicate voi. C’e’ stata una scorrettezza da parte del Giulianova che mi lascia esterrefatto. Oggi ho capito cosa significa giocare questo derby. Il gesto di Califano non mi meraviglia, ci può stare da un giocatore che ha avuto una squalifica per il calcio scommesse?. Subito dopo arriva il tecnico giallorosso Giorgini, che in maniera sintetica commenta la gara dicendo: “Risultato alla fine giusto. E’ stato un derby giocato con lealtà sugli spalti e in campo. Su un terreno al limite della praticabilità alla fine e’ maturato un pari. Ci può stare il gesto di Califano, alla fine di una gara così tesa, anche se non cerco giustificazioni?.
Fonte: datasport.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 306 volte, 1 oggi)