SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Arriva dopo dodici giornate il primo pareggio per la Samb. Un risultato che però, nonostante faccia seguito a due pesanti sconfitte, sa tanto di ‘brodino’. Almeno così sembra averlo accolto il Riviera che al termine dei 90 minuti non ha risparmiato fischi e improperi a Martini e soci. Non è andato giù, al pubblico di fede rossoblù, il doppio vantaggio malamente sprecato dopo un primo tempo se non altro dignitoso; l’allenatore Luciano Zecchini invece, deve fare buon viso a cattivo gioco.
“I problemi non si risolvono in quattro e quattr’otto – sentenzia il tecnico romagnolo – Siamo in condizioni difficili, oggi molti giocatori erano al debutto e, come sapete, lamentiamo molti infortuni. Tra l’altro nel corso della gara Paolucci è dovuto uscire per un problema ai flessori e i vari Santoni, Zanetti e De Lucia hanno accusato crampi?.
Insomma in casa Samb conviene farci il callo con l’emergenza, eppure oggi i tre punti erano a portata di mano, nonostante l’avversario si chiamasse Pizzighettone, terza forza del torneo a pari merito con Monza, Padova e Pavia.
“Il punto va accettato – argomenta l’allenatore rivierasco – anche se indubbiamente si aveva la possibilità di coglierne altri due; forse più di questo non potevamo fare. Obiettivamente abbiamo subìto l’avversario, che ci ha attaccato con maggiore continuità e che ha dalla sua più carte da giocare. Viviamo una situazione, per i motivi che ho già spiegato, per cui non possiamo imporre il nostro gioco, non riusciamo ad essere autoritari, a gestire determinate fasi dell’incontro e a condurre un risultato sino al 90°?.
Quel gol allo scadere della prima frazione di gioco però ha di certo alterato gli equilibri, seppure sino ad allora la Samb avesse beneficiato di un pizzico di fortuna. “Inutile nascondere che la prima rete del Pizzighettone è stata a dir poco deleteria – continua Zecchini -, è arrivato in fase di recupero e soprattutto sugli sviluppi di un’azione che potevamo tranquillamente evitare. Quel gol ha cambiato l’approccio con cui abbiamo affrontato l’inizio della ripresa. Gol sfortunati? Diciamo che li potevamo evitare, specie il secondo che è venuto da un cross che non aveva grandi pretese?.
E a proposito delle reti degli ospiti, alcuni colleghi provano a puntare il dito contro Di Dio, peraltro vittima di un piccolo infortunio a metà primo tempo. “Domenico negli spogliatoi mi ha assicurato che se la sentiva di continuare – replica Zecchini -, del resto alcuni interventi cui si è reso protagonista in seguito hanno dato ampia dimostrazione della sua buona condizione fisica. In ogni caso non mi sembra di avere ‘sprecato’ dei cambi: come ho già detto Paolucci si è fatto male, De Lucia non ce la faceva più e Santoni ha accusato dei crampi.?
Un commento sull’esperimento della difesa a cinque. “A dire il vero – precisa l’allenatore di Forlimpopoli – è a tre, comunque a prescindere dai numeri abbiamo avuto dei problemi nel proporci in avanti?.
Ora bisogna nuovamente ritrovare la giusta concentrazione per il prossimo impegno di campionato, il quale stavolta verrà disputato di sabato pomeriggio, visto che i rossoblù sono attesi dalla trasferta di Sesto San Giovanni.
“Ci ritroveremo domani – risponde Zecchini – per valutare le condizioni generali della squadra. Quello che più di ogni altra cosa mi preme è recuperare qualche infortunato. Colonnello? Diciamo che è pronto per allenarsi col resto del gruppo, ma non può ancora giocare?.
A chiudere la prevedibile domanda sull’avvento della nuova società. “Se mi si chiederà qualche consiglio – replica Zecchini – sarà ben contento di mettermi a disposizione, ora però mi pare prematuro fare simili discorsi, visto che ancora non c’è nulla di ufficiale?.
Il rammarico la fa da padrone in casa Pizzighettone, dove il tecnico Roberto Venturato non lesina critiche ai suoi. “Non abbiamo giocato con la consueta incisività. Non siamo stati bravi ad approfittare delle difficoltà della Samb, che veniva da due brutte sconfitte e che dunque in quanto a morale e a condizione generale non stava attraversando un grande momento?.
Dalle prime parole del tecnico biancazzurro sembrerebbe dunque che il punto odierno debba essere valutato alla stregua di due punti persi. E’ così? “Sarebbe ingiusto dire questo – confessa Venturato – anche perché eravamo sotto di due reti e non è stato facile recuperare; diciamo che potevamo fare di più, per esempio prima di subìre il gol della Samb abbiamo avuto la possibilità di passare in vantaggio e invece non siamo stati bravi a farlo. La Samb ha meritato il pari, da parte nostra accontentiamoci e guardiamo avanti?.
Infine per l’allenatore dei lombardi un giudizio sugli avversari. “Dopo due sconfitte come quelle maturate con Salernitana e Cittadella si potevano prevedere le paure e le tensioni che i rossoblù hanno palesato quest’oggi. Credo che recuperando degli infortunati potrà fare meglio, anche perché il pubblico e l’ambiente di San Benedetto lo meritano?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 508 volte, 1 oggi)