GROTTAMMARE – Caso ittiturismo “Fish?, ennesima puntata. Questo pomeriggio il presidente del consiglio comunale di Grottammare, Stefano Fabbioni, ha indetto una conferenza stampa per ribattere le tesi presentate dai consiglieri di minoranza. “La questione comincia ad essere stucchevole – ha esordito Fabbioni – Si tratta di polemiche sterili ma sono chiamato ad intervenire ulteriormente in quanto si è affermato che le mie dichiarazioni non siano veritiere.?
Fabbioni ha consegnato ai giornalisti presenti tre delibere comunali: la n° 42 del 30 maggio 2002, la n° 92 del 24 novembre 2003 e la n° 4 dell’11 febbraio 2004. La prima delibera riguardava una Variante parziale al Piano di Spiaggia. All’interno delle osservazioni dei cittadini Fabbioni ha evidenziato le numero 15 e 17. Alla numero 15 vi erano delle osservazioni presentate dall’hotel Roma, dalla G.G.G., dalla Italmarket e dal Parco dei Principi. Il Consiglio Comunale non accolse le osservazioni presentate con dodici voti favorevoli e tre astenuti (Raffaele Rossi, Roberto Marconi e Vittorio Santori).
Poco dopo si discusse sull’osservazione presentata da Elvio Mazzagufo, attuale titolare del “Fish?: vi fu un accoglimento parziale dell’osservazione con 12 voti favorevoli e 3 astenuti (gli stessi consiglieri Rossi, Marconi e Santori).
Il 24 novembre 2003 il consiglio comunale fu chiamato a discutere una nuova variante al Piano di Spiaggia. In questo caso vi fu il voto favorevole di 17 consiglieri, quello contrario di Roberto Marconi e l’astensione di Vittorio Santori, Maria Grazia Concetti e Francesco Palestini).
Ultimo passaggio illustrato da Fabbioni: la delibera numero 4 dell’11 febbraio 2004, che ha riguardato un’altra variazione parziale al piano di spiaggia. Anche in questa occasione l’osservazione di Elvio Mazzagufo, già titolare di concessione demaniale, è la numero 17 (chiedeva di realizzare alcune piccole infrastrutture): l’osservazione venne respinta con 16 voti favorevoli e un solo astenuto, Roberto Marconi. Il presidente del consiglio comunale ha anche fatto presente come, riguardo la votazione generale sulla variante al Piano di Spiaggia, i consiglieri di minoranza Vittorio Santori, Maria Grazia Concetti e Mariano Ascani si siano astenuti, mentre i soli Roberto Marconi e Raffaele Rossi abbiano dato un voto contrario.
“Io sono stato pacato nel mio comunicato precedente – ha concluso Fabbioni – perché il mio desiderio era quello di chiarire la situazione complessiva basandomi su fatti precisi. Credo invece che quello che hanno scritto i consiglieri di minoranza a proposito delle leggi Bassanini possa essere letto come un’offesa stessa per i funzionari del comune di Grottammare. Sono stato accusato anche di non essere super-partes: voglio spiegare che la mia funzione di presidente del consiglio comunale è di garantirne il regolare svolgimento. Io non sono un giudice imparziale, ho la mia testa e ragiono in base alle mie idee?.
Abbiamo infine chiesto alcune spiegazioni riguardanti delle contestazioni fatta dai consiglieri di centro-destra: ad esempio, afferma l’opposizione, si valuta che l’ittiturismo “Fish? (ricordiamo che la polemica politica nasce dal fatto che il titolare Mazzagufo è il marito della vicesindaco Costanzo) non dovrebbe servire pasti a persone che non siano stati ospiti in precedenza dall’imbarcazione propria della stessa struttura. Fabbioni ha risposto che “per quanto riguarda gli aspetti amministrativi io e la giunta possono affermare che tutto si è svolto correttamente per il rilascio della licenza; per quanto riguarda gli aspetti privati, non è nostro compito il verificarli e, nel caso ci fossero infrazioni, ci sono degli organi preposti agli opportuni controlli”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 495 volte, 1 oggi)