E’ bastata una rosa rossa per entrare nel nuovo universo “Mattia? il ristorante di Porto d’Ascoli, di cui è titolare Battista Faraotti, che ieri sera ha inaugurato, con estremo glamour, la stagione “food & beverage? 2005-2006.
Più di 400 persone, tra le quali si sono fatte notare, Paolo Perazzoli, Gino Troli, Nino Capriotti,Sandro Donati, Patrizia Carosi, vice questore di San Benedetto, Roberto Benigni, presidente dell’Ascoli Calcio, Mauro Traini, direttore generale dell’Ancona Calcio ed Emidio Morganti, arbitro di serie A, hanno raccolto l’invito dei fratelli Carlo ed Erminio Giudici, gli attenti nuovi gestori.

Sulle note jazz del “Low Profile Jazz Quartet? gli intervenuti si sono fatti deliziare da gustosissimi cioccolatini, tentare dall’esotico sushi del nippo-brasiliano, Haruo Yamaguchi, ingolosire dai primi di pesce di Stefano Brandi, prendere dalle fragranti pizze di Fabrizio Romani, dai colorati e profumati cocktail del barman Pietro Corradetti e dai buonissimi formaggi serviti dalla delegazione ONAF (Organizzazione Assaggiatori Formaggi) con appetitose confetture.

La sala principale, arredata dall’arch. Gabriella Alboini con mobili Eusebi, tutta contraddistinta da vetro, alluminio, rovere trattato e bellissime sedie rosse o quasi firmate Panton, Bellini, Magistretti, Arad e Stark, ieri sera, si è riempita in pochissimo tempo. In quella stessa hall i clienti “direttori?, a partire da oggi, potranno gustare Sushi,Sashimi, Nigiri e Ma kimono. Potranno seguire, da uno schermo al plasma, l’artista del Sol Levante mentre, in cucina, preme sui bocconcini di riso crude fettine di pesce. Ma soprattutto, gli avventori, da Mattia, potranno mangiare dei buonissimi primi e secondi piatti della tradizione marina, preparati con maestria dallo chef che usa firmare con il colore le rinomate e sempre ottime sue pietanze.

Anche la saletta ospitata al piano inferiore, curata dall’arch. Franco Pirzio, durante l’inaugurazione, è stata letteralmente presa d’assalto. Qui, in una atmosfera molto intima fatta di tovaglie a quadri, sedie impagliate, mobili verniciati di azzurro e una rete appesa al soffitto a ricordo del passato, chi vorrà, sempre da questa sera, avrà la possibilità di mangiare tante e buone pizze rosse e bianche e bere ottimo vino e ottime birre.

Copyright © 2016 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 633 volte, 1 oggi)