SAN BENEDETTO DEL TRONTO- Sabato 29 ottobre alla Palazzina Azzurra si aprirà la mostra fotografica “Welcome to Paradise- Il vero volto dello Sri Lanka scoperto dallo tsunami? di Barbara Di Cretico. Questa mostra è un itinerario interiore delle sensazioni che hanno accompagnato la fotografa nell’impatto con i luoghi della catastrofe, dove l’onda anomala ha portato via ogni segno di questa civiltà. La fotografa sostiene che, appena sentita la notizia della sciagura, ha pensato di partire per dar vita a un reportage che le ha consentito di lavorare con la gente del posto, condividere le loro vite e raccontare le loro storie.
Tutto questo non sarebbe stato possibile senza l’appoggio del GUS, un’organizzazione non governativa di Macerata che opera a sud dell’isola, che è stato scelto dalla Provincia e, in particolare da Massimo Rossi, per il progetto “HUMAN SOLIDARITY CHILDREN VILLAGE? che prevede la costruzione di un villaggio-orfanotrofio con nove abitazioni di un piano; ognuna di queste ospiterà dieci ragazzini con una coppia di istruttori, inoltre vi sarà un centro medico, un poliambulatorio, una sala polivalente per l’attività di gioco. Le scuole saranno, invece, fuori dal villaggio per permettere la socializzazione con gli altri bambini.
Il progetto è stato finanziato dalla Provincia, da 33 Comuni, da altre amministrazioni provinciali di Macerata, Ancona e Pesaro e anche da due sponsor “straordinari e prestigiosi?, così definiti da Ido Polidori, responsabile della cooperazione internazionale della Provincia: la Regione Marche con 280000 euro e la fondazione “La Stampa-Specchio dei Tempi? con 450000 euro.
L’allestimento della mostra è stato curato da “Progetto Zenone? di Antonella Nonnis.
La mostra presenta anche un video realizzato da Dante Albanesi: una parte è dedicata alle impressioni e ai criteri adottati da Barbara Di Cretico, l’altra allo tsunami. L’artista in questo modo ha cercato di eliminare il carattere statico del documentario istituzionale a favore dell’effetto cinema in diretta.
Questo evento culturale ha lo scopo di riportare l’attenzione sulle problematiche civili e sociali dello Sri Lanka già presenti prima della catastrofe e di sensibilizzare le persone ad aiutare questo popolo. Chiunque volesse fare versamenti può rivolgersi a Ido Polidori, tel. 0736/277245.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 565 volte, 1 oggi)