da www.reuters.it
BAGHDAD (Reuters) – Tre attentatori suicidi hanno sferrato oggi un attacco coordinato contro un complesso di hotel nel centro di Baghdad usato dai giornalisti stranieri, uccidendo almeno 15 persone e mettendo fine a un periodo di relativa calma.
Testimoni dicono che almeno uno dei primi due attentatori ha guidato l’auto contro le difese delle torri di cemento degli hotel Palestine e Sheraton, aprendo la strada a un terzo kamikaze con un camion esploso accanto a un blindato Usa che era di guardia.
Non ci sono per il momento notizie di militari americani coinvolti, ha detto un portavoce militare Usa.
Le esplosioni sono state riprese dalle televisioni, che hanno puntato gli obiettivi subito dopo la prima esplosione e hanno potuto riprendere perfettamente le successive.
Ci sono stati molti danni superficiali al Palestine, finestre e porte sono state divelte e la polvere ha riempito gli edifici vicini. Un pezzo di metallo annerito di due chili, delle dimensioni di un piatto, è atterrato all’esterno dell’ufficio di Reuters che è a circa 500 metri.
Almeno 15 persone sono morte e 11 sono rimaste ferite nelle esplosioni, dice la polizia.
I comandi Usa avevano messo in guardia nelle ultime settimane da attacchi a Baghdad per attirare l’attenzione dei media sulla rivolta.
Gli ultimi dieci giorni erano stati di relativa calma, nonostante il referendum costituzionale del 15 ottobre e il processo a Saddam Hussein iniziato a Baghdad la settimana scorsa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 282 volte, 1 oggi)