SAN BENEDETTO DEL TRONTO – DI DIO 7 Non importa se con i piedi o con le mani, arriva ovunque. Un piccolo svarione nella ripresa.
GAZZOLA 6 Si è fatto rispettare cercando in più di una occasione di anticipare l’avversario.
MACALUSO 7 Mastino. Rientra, dopo la squalifica, pimpante e per nulla intimorito. Scatta spesso sull’out di sinistra per far salire la squadra, prezioso quando torna in difesa.
DE ROSA 6 Lontano ancora dal “ringhio? che tutti conosciamo. Ma la sua prova, a tratti di sacrificio e a tratti di quantità, lo fa avvicinare all’originale.
FEMIANO 6 Ancora amnesie specie su Matri e Morini. Poi riesce a giocare con più tranquillità, complice il vantaggio.
ZANETTI 7 Voto pari ai mesi di assenza dal campo da gioco. Capitano, impacciato all’inizio, con il passare dei minuti acquista agilità, anche se da lui non si può pretendere il massimo dopo sette mesi dall’infortunio.
FAIETA 7 Reattivo. Pare che la cura Zecchini lo abbia rigenerato nello spirito e nella mente. Spostato sulla fascia destra, non sbaglia un appoggio
PAOLUCCI 6 Mostra caparbietà in alcuni contrasti: nonostante la giovane età sta acquisendo sicurezza.
SCANDURRA 6 Ha due ghiotte occasioni da gol, offerte da Perrulli, ma le spreca frettolosamente. Sul gol di Martini c’è anche il suo zampino
81’ YANTORNO s.v. Si mette subito in mostra con una discesa sulla corsia di destra per invitare Martini e compagni al raddoppio
PERRULLI 6 Tanta buona volontà. Va però gestito al meglio. Gli capita di fare metà campo palla al piede ma poi di farsela rubare ingenuamente in area. Non si dà mai per vinto
91’ PEPE s.v. Partecipa alla festa finale. Suo uno spunto da applausi, palla al piede dal centrocampo al tiro. Da preservare.
MARTINI 7 Con astuzia trafigge Brignoli: il classico zampino del bomber. Sempre mobile e combattivo. Con la rete di oggi salgono a cinque le sue segnature.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 598 volte, 1 oggi)