GROTTAMMARE – Il progetto di democrazia diretta che da anni si sviluppa attraverso il bilancio partecipativo ha avuto proprio oggi, 20 ottobre, un ulteriore riconoscimento all’interno del progetto “Poli locali di sviluppo e gestione integrata delle coste? finanziato dal Ministero degli Affari esteri e dalla Regione Marche. Sei amministratori provenienti da Mostar (Bosnia), Dubrovnik e Zara (Croazia) sono stati accompagnati al comune di Grottammare per conoscere il progetto di bilancio partecipativo ritenuto una delle tre mi-gliori pratiche di buona amministrazione della regione.
Basterebbe quanto sopra descritto per rispondere alle inesattezze del consigliere di minoranza Roberto Marconi in merito alla partecipazione alle assemblee di quartiere, che lo stesso giudica senza avervi mai partecipato ma per fortuna sono documentate direttamente dalla stampa. Voglio comunque precisare, numeri alla mano, che si tratta di una partecipazione che supera le 450 persone. Di queste, circa 200 si riferiscono alle 5 assemblee del bilancio partecipativo svoltesi finora, il resto è relativo ad assemblee tematiche, ovvero riqualificazione piazze San Pio e Kursaal e incontri con gli operatori economici.
Senza scendere nei particolari, ricordiamo che delle piccole opere pubbliche di quartiere emerse come necessità dalla assemblee per il bilancio 2005 ne sono state realizzate circa il 70% e, se lo gratifica, Roberto Marconi può continuare a pensare che certe opere del quartiere Ischia I si sono realizzate per suo merito, rimane il fatto che i cittadini sono più attenti di quanto certi politici pensino e, partecipando, riescono a valutare direttamente come vengono prese le decisioni e come vengono eseguite le opere.
Per concludere, ricordo al consigliere Marconi che nel I ciclo di assemblee noi distribuiamo a tutti i cittadini che partecipano uno schema di bilancio semplificato e comparato tra le annualità 2004 e 2005, in modo da consentire a tutti analisi, critiche e proposte per il bilancio da redigere per il 2006.
*Sindaco di Grottammare

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 356 volte, 1 oggi)