SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Umori distesi in sala stampa al termine della gara di ritorno dei trentaduesimi di finale tra Samb e Real Marcianise. I rivieraschi non passano il turno, in virtù della doppia sconfitta maturata al cospetto dei campani (1-2 all’andata).
Brucia un poco il 4-0 odierno – a memoria non ricordiamo un simile passivo per i rossoblù, né in campionato, né in qualsiasi altra competizione – ma la partita andava più considerata come una sorta di allenamento per dare la possibilità a Luciano Zecchini, posizionato sul primo anello della tribuna coperta in compagnia del direttore sportivo rivierasco Beppe Dossena, di conoscere meglio l’organico col quale di qui in avanti dovrà lavorare.
Seduto sulla panchina dei marchigiani c’era però Daniele Catto, il tecnico della Berretti che ha dovuto sostituire Zecchini, in virtù del fatto che il transfert dell’ex Teramo è stato inviato alla Lega solo stamane. Catto ha commentato così la gara di Coppa: “Non è stata una partita di allenamento, esisteva la possibilità di passare il turno, difatti abbiamo schierato la migliore formazione possibile. Credo che in ogni caso Zecchini abbia potuto trarne delle buone indicazioni. Pepe e Mattia Santoni? Li reputo due buoni giocatori, oggi forse hanno fatto qualcosa in più degli altri, ma ritengo che sotto il profilo dell’impegno tutti abbiamo fatto la loro parte�.
Mister Catto palesa poi un pizzico di rammarico per il risultato finale: “Nel complesso penso sia troppo pesante il passivo. E’ stata una partita strana, il nostro portiere è stato poco impegnato, mentre dal canto nostro abbiamo colpito due traverse e ci siamo resi pericolosi in diverse circostanze. Il Marcianise ha senz’altro giocato meglio, ma in fatto di occasioni da rete l’ago della bilancia perde dalla nostra parte�.
In ultimo Catto si concede una considerazione sul particolare clima di sfiducia che regna intorno alla squadra. “I giocatori hanno bisogno di quella tranquillità che al momento non c’è. Ho notato anche oggi pomeriggio un certo accanimento, in particolare contro qualche giocatore (De Pascale, ndr). Ritengo comunque che solo la squadra potrà uscire da questa situazione pesante, d’altro canto la classifica è discreta, serviranno un paio di risultati per ribaltare il tutto�.
Luigi Boccolini, tecnico di Porto Recanati sulla panchina del Marcianise è soddisfatto, ma dà il relativo valore al passaggio del turno: “Siamo contenti per la prestazione, ma il risultato non conta niente. La Coppa Italia è una competizione che ci interessa relativamente. Teniamo di più al campionato e domenica prossima abbiamo un match molto importante contro il Taranto�.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 677 volte, 1 oggi)